In Gran Guardia una giornata dedicata all’acqua

Dalle 10 alle 18 in programma, laboratori, giochi, spettacoli e mostre in un evento organizzato da Acque Veronesi in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua.

gran guardia estate
New call-to-action

Un evento gratuito e aperto a tutti per sensibilizzare sull’importanza dell’acqua, sulla necessità di modificare le nostre abitudini ed eliminare gli sprechi per garantire anche in futuro a tutti la risorsa più preziosa. È quanto hanno organizzato in Gran Guardia Acque Veronesi e il comune di Verona domenica 26 marzo, in occasione della giornata mondiale dell’acqua.

Dalle 10 alle 18 sono in programma diverse attività con cadenza di ora in ora: dal laboratorio “taccuino blu” ad uno speciale gioco dell’oca, naturalmente centrati sul tema acqua. Ad animare la Gran Guardia anche la “videoarte sensoriale” e uno spettacolo teatrale dedicato a bambini e famiglie. Durante l’intera giornata sarà aperta anche una mostra fotografica con esposte alcune tavole dell’archivio di Acque Veronesi che racconteranno la storia dell’acqua a Verona. 

«Il rapporto dell’Onu presentato alla Conferenza Mondiale che si è svolta in questi giorni a New York (la seconda di sempre, la prima fu nel 1977)  non lascia dubbi sulla necessità di percepire il reale valore dell’acqua, rivedendone l’approccio e diminuendo consumi e sprechi. Domenica, in occasione dell’evento organizzato in Gran Guardia per la giornata mondiale dell’acqua vogliamo proprio dare questo tipo di messaggio:  di sensibilizzare e di attenzione ad un uso consapevole e responsabile dell’acqua, cominciando dai bambini – ha ricordato il Presidente di Acque Veronesi Roberto Mantovanelli – perché proprio i più piccoli sono i più ricettivi e sensibili nei confronti dell’ambiente e delle buone pratiche». 

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM