In farmacia la comunicazione è a portata di tutti, grazie all’uso di simboli

L'obiettivo è rendere quanto più possibile autonomi bambini, ragazzi e adulti autistici, ma è un modello utilizzabile anche per comunicare con turisti che non conoscono l’italiano, persone sorde o ipoudenti.

autismo farmacia simboli

Il progetto “Farmacia amica dell’autismo” dell’Associazione Continuando a crescere Onlus si arricchisce di un nuovo tassello comunicativo subito recepito da Federfarma Verona che per prima in Italia offre questo servizio pratico di accoglienza. Nelle farmacie che aderiscono al progetto, riconoscibili dalla specifica vetrofania, sono infatti disponibili e ben visibili sul banco dei particolari calendari formati da tabelle comunicative di veloce consultazione che, attraverso simboli chiari, consentono una comunicazione tra utente e farmacista focalizzata sulle più comuni esigenze di salute.

LEGGI ANCHE: Dopo il voto: chi ride e chi piange in provincia di Verona

«Si tratta di un progetto pilota che per la prima volta in Italia permette un dialogo attivo tra farmacie e autismo – spiega Monica Meda presidente di Continuando a Crescere Onlus -. Partiamo da Verona e, qualora dovesse avere un buon riscontro, siamo pronti a diffondere l’iniziativa anche in altri territori. Le tabelle di simboli sono ideate per le persone autistiche ma possono essere utilizzate anche per comunicare con turisti che non conoscono l’italiano, persone sorde o ipoudenti. È pensato per aumentare il livello di autonomia quotidiana e migliorare la qualità di vita di persone con difficoltà relazionali, come quelle legate all’autismo. Ringraziamo le farmacie di Federfarma Verona che con grande sensibilità dimostrano alto senso civico aprendo la via ad un’accoglienza più inclusiva».

«Tre anni fa abbiamo cominciato la collaborazione con “Continuando a crescere” distribuendo in farmacia depliant che informavano e sensibilizzavano la popolazione sui disturbi dello spettro autistico – ricorda Elena Vecchioni, presidente di Federfarma Verona -. Il contatto visivo, il tono di voce rilassato e sereno, un semplice sorriso sono indispensabili per un approccio empatico. E ora questo ulteriore passo in avanti che vede ancora una volta il modello sociale della farmacia al fianco di utenti speciali». 

LEGGI LE ULTIME NEWS

«Si tratta di una idea innovativa che ci aiuta, anche come cittadini, a crescere nella responsabilità per soddisfare le esigenze di tutta la comunità – dice Paola Fiocco, consigliere Federfarma Verona -. Crediamo che poco alla volta i ragazzi autistici possano, grazie a questa nuova forma di comunicazione, cominciare ad interagire con il farmacista, migliorando gradualmente l’autonomia personale oggi in farmacia e un domani, magari, anche in altri ambienti».

Alla conferenza stampa erano presenti anche Lucia Mazzi, logopedista e terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, e Sarah Fort traduttrice in simboli.

«Il “calendario” che abbiamo progettato è stato pensato per andare incontro ai bisogni delle persone autistiche, con comunicopatie, fragili – ha spiegato Mazzi. -. Serve per migliorare la comprensione e la produzione nella richiesta dei bisogni di un farmaco all’interno della farmacia, ed è utile quindi anche per le persone straniere che non parlano italiano». 

«Tecnicamente – spiega Sarah Fort – si tratta di una tabella comunicativa ed è stata realizzata con i simboli della comunicazione aumentativa alternativa, senza le indicazioni di parole, per permettere sia al farmacista sia all’utente di interpretare al meglio i simboli proposti, offrendo maggiori opportunità comunicative da una parte e dall’altra».

LEGGI ANCHE: Cantiere via Città di Nimes: si avvicina l’apertura del sottopasso