“Troppo pochi”: imbrattato il monumento ai martiri delle foibe

È stata fatta con una bomboletta spray e uno stampo la scritta che, stamattina, è stata trovata a imbrattare il monumento ai martiri delle foibe di fronte all’Astico di Fara Vicentino. Ancora ignoti gli autori dello scempio che riporta in dialetto la scritta “troppo pochi”. Sotto attacco, nei giorni scorsi, anche la chiesa di S. Giorgio di Perlena, sulla cui facciata erano state trovate frasi blasfeme. Ora si indaga per scoprire l’identità degli autori.

Massa pochi” (troppo pochi). È questa l’ignobile scritta, fatta con spray e stampi, che stamattina è stata trovata sul monumento ai martiri delle foibe di fronte all’Astico di Fara Vicentino.

Un gesto irrispettoso e vergognoso, come l’ha definito il sindaco, Maria Teresa Sperotto che, in pochi giorni, si è trovata a fare i conti con un’ondata di inciviltà dilagante: prima della lapide, infatti, era stata imbrattata con le bombolette spray e scritte blasfeme anche la chiesetta di S. Giorgio di Perlena.

Ora sono in corso le indagini per identificare gli autori di questi scempi.