Il sindaco di Nogarole Rocca: «Gratitudine per cittadini e volontari»

Il sindaco di Nogarole Rocca, Luca Trentini, commenta la situazione nel suo comune in riferimento all'emergenza Covid-19.

«I cittadini nogarolesi hanno reagito bene a questo particolare momento, anche di una certa gravità, rispettando – se facciamo una valutazione complessiva – le regole e le raccomandazioni che le autorità, e il Sindaco tra queste, hanno diffuso per poter contrastare la diffusione del Coronavirus» così Luca Trentini, sindaco di Nogarole Rocca

«Il primo sentimento che ho è di gratitudine nei confronti dei miei concittadini perché non abbiamo avuto particolari problemi di ordine pubblico e nel far rispettare le regole. È chiaro che c’è la preoccupazione di tutti, quella di sapere innanzitutto come affrontare e sconfiggere questa malattia e quando si potrà tornare, seppure gradualmente, ad una vita normale». 

«Le iniziative che abbiamo intrapreso sono state innanzitutto quella di distribuire le mascherine fornite dalla Regione Veneto, assieme ai volontari, che ringrazio perché abbiamo avuto un’ottima risposta da questo punto di vista. – spiega Trentini – Si è poi aggiunta un’ulteriore distribuzione di mascherine chirurgiche che ci sono state donate da un’azienda locale, che ha investito sul nostro territorio e si è dimostrata particolarmente vicina. Adesso abbiamo in animo anche di distribuire mascherine lavabili prodotte da un’azienda di produzione qui del territorio».

«Ci sono anche buone e importanti manifestazioni di solidarietà, e questo devo sottolinearlo: in particolare l’azienda che ha fatto l’investimento del sito di Zalando, che si chiama Vailog, ha fatto una donazione in denaro alla locale scuola materna per consentire una politica di riduzione e azzeramento delle rette nei confronti delle famiglie dei bambini iscritti, ma che purtroppo li hanno a casa – continua il sindaco -La stessa azienda ha messo a disposizione anche mascherine che abbiamo distribuito. Si sono attivate bene anche le associazioni del territorio, il Gruppo Alpini è riuscito ad acquistare 250 tute per la terapia intensiva dell’ospedale di Villafranca, i Giardini dell’Arte hanno acquistato mascherine protettive speciali e dei camici per dotare la casa di riposo». 

«Da ultimo abbiamo aperto alle donazioni di privati anche il fondo garantito dallo Stato per i buoni spesa per le famiglie: stiamo quindi distribuendo i fondi statali ma abbiamo aperto una sottoscrizione anche per i privati. Un’azienda del territorio e due privati hanno finora donato 5600 euro che si aggiungono ai 24 mila che lo Stato ha messo a disposizione». 

«In questa emergenza stanno venendo fuori anche note molto positive, persone che si danno da fare per volontariato pratico, come la distribuzione di presidi e mascherine, e persone e aziende che si danno da fare con donazioni economiche che vanno nella direzione di sostenere ed aiutare i nuclei familiari che sono più in difficoltà. È un lato positivo di questa vicenda, anche qui il mio ringraziamento è pieno e totale a tutti coloro che hanno già fatto qualcosa e lo faranno anche in futuro».