Il sindaco Brizzi: «Vogliamo dare un segno di speranza»

A dircelo è stato il sindaco di Bussolengo, Roberto Brizzi, che ci ha spiegato anche le iniziative messe in campo dal comune durante l'emergenza sanitaria.

«Abbiamo fatte tantissime iniziative, ma devo ringraziare i cittadini e i volontari. In piena emergenza, per esempio, una nostra azienda che produceva materassi si è convertita nel giro di una settimana per fare mascherine e ne ha donato 20mila. La mattina i volontari le distribuivano alla popolazione e nel giro di cinque giorni le abbiamo distribuite a tutti». Così il sindaco di Bussolengo, Roberto Brizzi.

Sulle iniziative messe in campo dal comune per l’emergenza Covid: «Noi abbiamo fatto anche il carrello solidale, nato dall’idea comune di associazioni, amministrazione e Caritas. In una settimana abbiamo raccolto talmente tanti generi alimentari che la Caritas ci ha detto “Basta, sospendiamo perchè non sappiamo più dove mettere la roba!”. La contropartita è stata che, se la Caritas fornisce a Bussolengo la borsa spesa a 20-30 famiglie, siamo arrivati adesso a quasi 100. Questo per dare il numero di quante famiglie sono ora in difficoltà.

In programma per l’estate tanti appuntamenti, tra cui anche la tradizionale festa delle pesche: «Abbiamo investito quasi 300mila euro per l’emergenza: si va dai plateatici gratuiti per le aziende, gratis fino a dicembre 2020. Oltre a questo l’intenzione è di dare un segno di speranza alla gente per tornare alla normalità: l’estate a Villa Spinola si farà con il distanziamento, con la misura della temperatura. A luglio partirà, ci siamo impuntati. La famosa cena che facciamo per la festa delle pesche, tra luglio e agosto, la facciamo. Sarà ridimensionata, non ci saranno 500 posti a sedere e non saranno quattro giorni di festa, ma solo due. La voglia è quella di far tornare la serenità alle persone.