Il senatore Massimo Ferro nominato all’OCSE

massimo-ferro crisi di governo

Riconoscimento importante per il senatore della Repubblica Massimo Ferro. Lo scorso 23 gennaio il Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati ha nominato l’onorevole veronese nuovo rappresentante del focal point della Rete parlamentare mondiale dell’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico.

Il prestigioso ente ha sede a Parigi e conta attualmente 36 Paesi membri (Australia, Austria, Belgio, Canada, Cile, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda, Israele, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica di Corea, Repubblica Slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria), che si riconoscono nella democrazia e nell’economia di mercato. L’Organizzazione inoltre intrattiene rapporti con numerosi Paesi non membri e con altre Organizzazioni Internazionali.

Questa nomina, di cui ringrazio il Senato e la Presidente Senatrice Casellati per la fiducia accordata – afferma Ferro – mi onora e mi rende compartecipe in un processo importante volto al benessere comune. Cercherò di essere all’altezza del ruolo che mi è stato assegnato portando in Europa la mia esperienza in ambito sociale ed economico, in particolare su tematiche quali lo sviluppo sostenibile, la crescita economica, l’occupazione, gli investimenti, la competitività, l’integrazione e la stabilità dei mercati. Temi che verranno affrontati già nella prima riunione della Rete parlamentare dal 13 al 15 febbraio.”

L’OCSE infatti agisce come forum nel quale i governi possono lavorare insieme per condividere esperienze e trovare soluzioni congiunte a problemi comuni. Il filo conduttore del lavoro è l’impegno a collaborare, condiviso tra le diverse economie di mercato, al fine di favorire il benessere di tutti i cittadini degli stati membri.