Il maltempo colpisce il Veneto e il Veronese: disagi, smottamenti e torrenti ingrossati

Le precipitazioni e il vento di questa mattina hanno messo a dura prova la rete stradale veronese, con una forte congestione del traffico. Smottamenti in Valpolicella, torrenti ingrossati nell’Est Veronese.

Vigili del fuoco al lavoro per lo smottamento in località Torbe a Prun
Vigili del fuoco al lavoro per lo smottamento in località Torbe a Prun

La perturbazione di questa mattina, caratterizzata da intense precipitazioni e forti raffiche di vento, ha messo a dura prova la rete stradale veronese, con una forte congestione del traffico. La situazione più critica si è verificata sulle arterie che conducono al centro città, dove, complice anche l’ora di punta tra scuole e lavoro, si sono create lunghe code e ritardi. Presenti le forze dell’ordine nei punti cruciali della città per coordinare il traffico. Anche il trasporto pubblico ha subito ritardi.

Nel Legnaghese alcune piante sono cadute, causando ulteriori rallentamenti e rendendo necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco. La strada fra Torbe e Prun è stata interessata dalla caduta di materiale, intorno alle 5.30, sulla sede stradale.

Le previsioni meteorologiche indicano che la perturbazione continuerà a influenzare l’area di Verona per il resto della giornata, sebbene con intensità decrescente già nelle prossime ore.

LEGGI ANCHE: Criticità meteo, allerta fra Verona e Vicenza nel bacino dell’Alpone

Il punto in Regione

«Sono ore complesse per le condizioni meteo. Osserviamo con attenzione l’intero territorio regionale ed in particolare i fiumi del Vicentino, dove i livelli idrometrici si stanno alzando. Riscontriamo situazioni critiche anche nel Veronese e nel Padovano» ha dichiarato il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, che ha affrontato la tematica del maltempo anche durante il punto stampa di questa mattinata. «Oggi, a differenza del 2010, lavoriamo con algoritmi, modelli previsionali, e abbiamo la soddisfazione di aver messo in moto i bacini di laminazione, sui quali la Regione Veneto ha puntato molto in questi anni. Stiamo parlando di opere che ci rendono più sicuri».

«Vediamo cosa accadrà nelle prossime ore: sto seguendo direttamente l’evolversi della situazione con l’assessore Gianpaolo Bottacin. Sono in contatto anche con le strutture che si occupano di viabilità stradale e viabilità ferroviaria. Non escludiamo che, su decisione dell’autorità competenti nella gestione delle infrastrutture, sarà necessario la chiusura di alcune tratte ferroviarie nelle prossime ore» ha aggiunto Zaia.

LEGGI ANCHE: Meloni a Veronafiere, elogio al Made in Italy

«Le previsioni di ieri ci indicavano 200 mm in 48 ore – ha sottolineato l’assessore alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin -. Per ora siamo a 60-90 mm con picchi nell’alto veronese e nella zona di Recoaro dove abbiamo raggiunto oltre 115 mm. Nelle prossime ore la perturbazione si sposterà a est, verso pedemontana trevigiana e montebellunese. È stato attivato il bacino di Montebello, quello sull’Orolo è in fase di collaudo, a breve sarà aperto quello della Colombaretta. Non escludo, viste le previsioni con la perturbazione si sta spostando sul trevigiano, che verrà aperto anche quello sul Muson dei Sassi. In montagna nevica in montagna, si alzerà quota neve ma non è previsto un grande scioglimento».

Preoccupazione a San Bonifacio e Monteforte d’Alpone

«In queste ore stiamo vivendo una situazione d’emergenza a causa del continuo ingrossarsi del torrente Chiampo» fa sapere il sindaco di San Bonifacio Giampaolo Provoli. «Sono già state chiuse le porte Vinciane, isolando il fiume Tramigna dall’Alpone e sono stati aperti i C.o.c d’emergenza di San Bonifacio e Monteforte».

Alpone a San Bonifacio
Alpone a San Bonifacio (27 febbraio 2024)

Nel territorio di San Bonifacio infatti i torrenti Chiampo e Tramigna confluiscono nell’Alpone. «Stiamo monitorando costantemente il territorio ed in particolare la situazione dell’Alpone sul ponte della Motta. Vi aggiorneremo in caso di necessità» aggiunge il sindaco. «Raccomandiamo a tutti di usare il buon senso e la prudenza. In particolare invitiamo ad evitare di parcheggiare auto nei locali interrati che hanno avuto fenomeni di allagamento in tempi passati» ha aggiunto Provoli.

LEGGI ANCHE: Autovelox a Verona: ecco dove sono questa settimana

Disagi sulle strade provinciali veronesi

A causa delle persistenti precipitazioni tuttora in atto, il Servizio Viabilità della Provincia ha sospeso temporaneamente la circolazione sulla Sp 44b, al confine tra Bovolone e Isola Rizza. La chiusura è dovuta a un cedimento del piano viabile, causato dalle piogge, che potrebbe rappresentare un pericolo per gli utenti della strada.

Il traffico viene deviato lungo la Sp 20 per chi proviene da Oppeano o Bovolone e lungo la Sp 45/a per chi proviene da Isola Rizza o Bonavicina. La chiusura è prevista per il tempo tecnico necessario ad organizzare e porre in essere gli interventi di messa in sicurezza del tratto.

Disagi sulla Sp17c a Roncà, dove si sono verificati smottamenti dal versante di monte che hanno interessato la strada. Sul posto sono già intervenute le ditte incaricate dalla Provincia per le operazioni di pulizia della carreggiata.

Sulla Sp 36, a Badia Calavena, si è verificato un cedimento di un tratto del versante di valle, in località Collina, che ha interessato anche parte della carreggiata. La Provincia sta valutando le limitazioni al traffico da porre sulla provinciale. Su quel tratto era già previsto un progetto di consolidamento che ora verrà aggiornato comprendendo anche gli interventi di ripristino.

L’Unità Operativa di Protezione Civile della Provincia informa, infine, che sono stati chiusi i guadi sul torrente Illasi.

Smottamento a Roncà sulla Sp 17c
Smottamento a Roncà sulla Sp 17c (27 febbraio 2024)

Gli interventi dei vigili del fuoco

Dalla mezzanotte di oggi più di 30 interventi in Veneto per le forti precipitazioni che stanno interessando il territorio. Sorvegliati i corsi d’acqua, al momento solo allagamenti dei corsi d’acqua nelle zone golenali del vicentino e del veronese, oltre a diversi interventi per rimozioni di parti pericolanti o alberi divelti a causa del forte vento.

Nella foto l’intervento, dei vigili del fuoco di Verona, per lo smottamento sulla strada che collega la località Torbe a Prun nel comune di Negrar di Valpolicella.

Vigili del fuoco al lavoro per lo smottamento in località Torbe a Prun
Vigili del fuoco al lavoro per lo smottamento in località Torbe a Prun

LEGGI ANCHE: Dramma in campo: muore 26enne fratello del calciatore del Legnago

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM