“Il futuro ci spaventa più di ogni altra cosa”, ieri il dibattito degli studenti a Verona

Tanti giovani ieri all'incontro organizzato da Rete studenti medi e Udu all'ex Arsenale di Verona. Al centro il tema della salute mentale: «Stare male è un diritto, ma lo è ancor di più poter trovare un solido punto di appoggio e sostegno».

Salute mentale studenti Arsenale
L'incontro organizzato da Rete studenti medi e Unione degli universitari nel parco dell'ex Arsenale di Verona

Evento sulla salute mentale proposto dalle associazioni studentesche all’Arsenale

Ieri pomeriggio, sabato 14 maggio, ai giardini dell’Arsenale di Verona la Rete degli studenti medi e l’Unione degli universitari hanno dato vita all’evento intitolato “Il futuro ci spaventa più di ogni altra cosa“, una provocazione volta a chiedere un riscontro alle istituzioni e alle varie fasce generazionali rispetto al diffuso malessere psicologico dei giovani.

Si è parlato di temi come la prevenzione, il processo di formazione, che possa rendere ogni persona capace di comunicare il proprio stato psicofisico, e la correlazione che questo sentimento di inadeguatezza presenta con i luoghi del sapere e il nostro stesso impianto sociale.

LEGGI ANCHE: Chi sarà il sindaco di Verona? Dalle 22 la diretta su Radio Adige Tv

«Parlare di giovani in un’ottica unicamente futura è limitativo e fuorviante, chiediamo una finestra di dialogo che sia in grado di ascoltarci e comprenderci nella risorsa che rappresentiamo. È uno dei principali obiettivi della piattaforma Chiedimi Come Sto» afferma Tommaso Biancuzzi, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Medi e uno dei relatori dell’evento.

«Non voglio anticipare i risultati del sondaggio che abbiamo sottoposto agli studenti del Paese, ma vi assicuro che si tratta di dati e rilevazioni preoccupanti. Parte della generazione che ci ha preceduti ha vissuto imprigionata nello stigma tutt’ora vigente per quanto riguarda il supporto psicologico, ma non sono mancate le persone che hanno invece dato tutto per iniziare la lotta che noi siamo chiamati a portare avanti. Stare male è un diritto, ma lo è ancor di più poter trovare, soprattutto negli ambienti scolastici, il cui obiettivo sarebbe farci crescere in quanto cittadini attivi e consapevoli, un solido punto di appoggio e sostegno» conclude Biancuzzi.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

Presenti al dibattito i rappresentanti di alcuni istituti di Verona e provincia (Messedaglia, Maffei, Medi e Montanari) e lo psichiatra Giuseppe Battaglia.

«Si è trattato per tutte e tutti di un’opportunità di crescita e presa di consapevolezza che è solo la base per un percorso ampio e inclusivo, che possa cambiare davvero la nostra realtà territoriale, così come alcuni costrutti sociali che è tempo di lasciarsi alle spalle» dichiara Camilla Velotta coordinatrice della Rete degli studenti Medi di Verona.

LEGGI ANCHE: Ballottaggio Verona, i dati sull’affluenza

Salute mentale studenti Arsenale
L’incontro organizzato da Rete studenti medi e Unione degli universitari nel parco dell’ex Arsenale di Verona

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM