“I Quaderni della dorsale”, presentata la nuova edizione

Venerdì si è tenuta la videoconferenza di presentazione di "I Quaderni della dorsale", la raccolta delle memorie delle comunità ai piedi della dorsale tra la Valpantena e la Valsquaranto. Il progetto è stato realizzato dall'Associazione Montorio Veronese.

È stata presentata venerdì 20 novembre in videoconferenza la seconda edizione de “I Quaderni della dorsale”, pubblicazione ideata e realizzata dall’associazione di promozione sociale Montorio Veronese.

Sono intervenuti il Presidente della Provincia, Manuel Scalzotto; il Consigliere Regionale, Enrico Corsi; la Presidente dell’ottava Circoscrizione, Alma Ballarin e la Dirigente dell’istituto comprensivo 17 di Montorio, Paola Catanzaro. Erano, inoltre, presenti per l’associazione Montorio Veronese: il Presidente Roberto Rubele; le curatrici del volume, Elisabetta Albrigi e Marta Morbioli; il tesoriere e responsabile della comunicazione, Alberto Speciale. I Quaderni nascono dalla volontà di raccogliere e trascrivere le memorie delle comunità ai piedi della dorsale tra la Valpantena e la Valsquaranto.

Nelle pagine della seconda edizione troveranno posto, ad esempio, le storie di Otello Annechini, sarto di Santa Maria in Stelle sopravvissuto alla furia nazista, di Luigi Cazzaroli, medico fra le contrade della Valpantena, di Renzo Zorzi, intellettuale di Montorio e manager nella Olivetti del secolo scorso, del rapimento di Angiolina Lonardi a Poiano nel 1675 e del brigante Falasco di Olivè.

Alla memoria dei protagonisti si affiancherà la memoria dei luoghi, con un’analisi cartografica dei forti austriaci dell’area e con approfondimenti sull’ex ospedale psichiatrico di Marzana, su villa Morosini a San Felice Extra e sull’ipogeo di Santa Maria in Stelle.

Sedici in tutto i contributi di questa edizione, equamente suddivisi fra le due vallate e redatti da accademici, ricercatori locali e appassionati  studiosi. La presentazione del libro – che entro fine mese sarà disponibile presso alcuni negozi, librerie e biblioteche della città – è stata affidata a Marco Girardi

I Quaderni non si limitano alla storia: raccolgono infatti anche uno sguardo sul presente e sul periodo dell’emergenza, con il progetto “diario di bordo”, lanciato dall’ass. Montorio Veronese. Protagonista è la stessa comunità tra le due valli, che ha raccontato e condiviso le esperienze del lockdown. A queste testimonianze è stata dedicata la mostra “arte in via Sodelle”.

Inoltre, questa edizione, contempla la sezione “A tutta scuola”, con il contributo di ragazzi e docenti. Sullo stesso tema, il resoconto della didattica a distanza curato da insegnanti, giovani e giovanissimi studenti di alcune classi della secondaria di primo grado Caperle e della primaria di Mizzole.

Infine i quaderni contengono la sezione “C’è qualcosa di nuovo nell’aria”, con i progetti in cantiere sul territorio programmati da privati e associazioni. La pubblicazione è realizzata con il contributo della Regione del Veneto, il patrocinio e il contributo dell’ottava Circoscrizione del Comune di Verona e il supporto di aziende e associazioni del territorio.