Grave un climber veronese precipitato mentre era in cordata

Un veronese di 65 anni è precipitato mentre si arrampicava in cordata alle Pale di San Martino. L’uomo, in condizioni gravi, è stato recuperato dal Soccorso Alpino con l’elicottero.

Elicottero elisoccorso - soccorso alpino trentino
Soccorso Alpino Trentino. Foto d'archivio.

Un climber italiano classe 1958, residente nel Veronese, è stato soccorso nel primissimo pomeriggio di oggi, dopo essere precipitato da primo di cordata lungo lungo l’ultimo tiro della Fessura Franceschini al Dente del Rifugio (Pale di San Martino), un itinerario classico di difficoltà intorno al quinto grado che si snoda lungo la parete ovest. La chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata alle 12.20 da parte di uno dei suoi cinque compagni impegnati insieme a lui nell’ascensione, organizzata in due cordate da tre scalatori.

LEGGI E GUARDA ANCHE: Aperto il nuovo sottopasso di Verona! Inizia la nuova viabilità

La Centrale Unica di Trentino Emergenza, con il Coordinatore dell’Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino, ha chiesto l’intervento dell’elisoccorso che, portatosi sul posto, ha provveduto a verricellare in parete il tecnico di elisoccorso e l’equipe medica.

Le operazioni sono state coadiuvate da un tecnico di soccorso proveniente da Val Canali e preallertato dalla stazione competente di Primiero, che ha aiutato nell’imbarellare il paziente e che è stato poi recuperato, insieme al climber e a uno dei suoi compagni di cordatadall’elicottero, che ha poi provveduto a elitrasportare l’alpinista, in condizioni gravi, ma apparentemente non critiche, all’ospedale Santa Chiara di Trento.

LEGGI ANCHE: Pazienti ustionati a Bolzano, morto a Verona l’uomo di 31 anni