Giunta Tommasi, per Sboarina «la nuova Amministrazione gioca a nascondino»

I consiglieri comunali Sboarina e Padovani commentano i primi cento giorni di Tommasi: «Se il buongiorno si vede dal mattino, a Verona è notte fonda».

Federico Sboarina
Federico Sboarina

I consiglieri di opposizione fanno il punto sul lavoro dell’amministrazione Tommasi dopo i primi cento giorni in carica. In particolare parlano l’ex sindaco Federico Sboarina, del gruppo Battiti, e Marco Padovani, di Fratelli d’Italia, anche neo-deputato.

Sboarina: «Nessuno pensa che nei primi 100 giorni si possano risolvere tutti i problemi, ma è normale impostare concretamente le soluzioni e avviare la propria idea di città. Quindi, se il buongiorno si vede dal mattino, a Verona è notte fonda. Non c’è traccia del rinnovamento che era stato promesso e nemmeno delle linee di azione che si precorreranno. Anzi, su partite importanti si gioca a nascondino, accomodandosi dietro ai provvedimenti regionali o nazionali, senza muovere un dito. Non vedo l’ora di vedere lo studio di fattibilità per la passerella di ponte Nuovo, quella che mesi fa Traguardi ha descritto come banale metodo per risolvere il problema durante il cantiere».

LEGGI ANCHE: Verona, ancora incidenti: due giovani ubriachi fuori strada

«Non si vede nessuna strategia sulle aziende partecipate – continua Sboarina –, lo si capisce chiaramente dal caos nelle governance: tre mesi di vuoto nel cda della Brennero, nessun direttore generale per la fiera, Veronamercato tutto fermo, solo fatto lievitare le poltrone in Amia al posto dell’amministratore unico. Sulla sicurezza la ricetta è il buonismo e la ‘corresponsabilità’ dei cittadini; sul più grande investimento in città che è il Central park si stanno perdendo i mesi sul dilemma tunnel sì/no, alle famiglie in difficoltà sono stati distribuiti i fondi regionali e quelli delle gratuità che io ho abolito. Quando è che si vedrà cosa ha in mente di nuovo o di diverso il Comune?»

«Nei primi 100 giorni noi abbiamo invece delineato i nostri campi di intervento: manutenzione strade con un milione e 600 mila euro, revocato il project dell’Arsenale e incontrato 200 associazioni culturali, assunto 26 agenti della Polizia locale, delocalizzato le manifestazioni, incaricato la stesura di Pums e Peba, eliminato le gratuità in Arena, chiuso la vertenza con le maestre, avviata la due diligence per la fusione Agsm-Aim, chiuso il commissariamento di Fondazione Arena, fatto partire iter per il Central park e la Variante alla Statale 12. Noi ci siamo prese le nostre responsabilità, anche pesanti, dove sono quelle di Tommasi che mostrano il cambiamento? Al momento per loro l’urgenza è stata l’adesione alla rete Ready».

LEGGI ANCHE: Cup, a Verona e provincia cambiano i numeri di telefono per prenotare le visite mediche

Marco Padovani aggiunge: «I lavori stradali che sono in corso sono quelli finanziati da noi, mentre non c’è traccia di stanziamenti per la manutenzione della prossima primavera. Le Circoscrizioni sono preoccupate perché non hanno risorse straordinarie per l’inverno. Stessa modalità per la sicurezza. La mappa dei punti sensibili della città esiste già, non serve farne altre. Si deve solo intervenire, altrimenti le mille riunioni sono solo aria fritta. I cittadini vogliono controlli, azioni concrete e operatività, tutto il resto è fumo negli occhi, che serve a distrarre ma non a invertire la rotta».

LEGGI ANCHE: Aveva modificato la targa dell’auto per la ZTL, multe per 16mila euro

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM