Giornata nera: furti e aggressioni a distanza di poche ore

Passeggia con la figlia e un 25enne le strappa la collana dal collo. Momenti di paura anche al supermercato dove, dopo un furto, un 36enne ferisce alle mani e al volto due guardie.

Lo scorso martedì, 28 maggio, a poche ore di distanza, due episodi hanno messo alla prova gli agenti della Polizia di Stato. Un 36enne e di un 25enne sono finiti in manette per tentata rapina aggravata e lesioni e di furto con strappo.

Il primo episodio si è verificato durante la mattinata: erano circa le 10.15 quando un giovane di 25 anni, già noto alle Forze dell’Ordine, ha strappato violentemente dal collo di una signora una collana d’oro. Il giovane, insieme ad un complice, aveva raggiunto alle spalle la vittima che stava passeggiando insieme alla figlia in Stradone Porta Palio e le aveva strappato il gioiello per poi scappare a piedi tra i vicoli.

La vittima ha rincorso i due malviventi, richiamando anche l’attenzione dei passanti ai quali ha chiesto aiuto per fermarli. Grazie all’intervento di un uomo che si trovava nelle vicinanze, il 25enne è stato bloccato in Vicoletto Valle e trattenuto fino all’arrivo degli agenti delle Volanti. Ultimati gli accertamenti, il giovane è stato accompagnato al carcere di Montorio.

A circa tre ore di distanza, il secondo episodio è avvenuto intorno alle 13.30, in Via XX settembre, quando è giunta alla Centrale Operativa della Questura la segnalazione di un’aggressione fisica ai danni di una guardia giurata del supermercato IN’S. A finire in manette è stato un cittadino marocchino di 36 anni, già noto alle Forze dell’ordine per numerosi reati contro il patrimonio e irregolare sul territorio nazionale. L’uomo, dopo aver occultato della merce in una borsa, aveva tentato di uscire dal supermercato senza pagare, ma era stato raggiunto all’uscita da due guardie giurate che ne avevano osservato attentamente i movimenti all’interno del supermercato e lo avevano invitato a rientrare per saldare quanto dovuto.

Irritato dalla richiesta, il 36enne ha reagito con violenza, prima minacciando gli addetti alla vigilanza e poi scagliandosi contro uno di loro con un coltellino svizzero ferendolo alla mano. Scatta la colluttazione ma l’uomo riesce a divincolarsi e a scappare dal supermercato. Viene immediatamente inseguito dai due addetti alla vigilanza. Durante la fuga, il malvivente ha raccolto una bottiglia di vetro nei pressi di un cassonetto dei rifiuti di via XX settembre e l’ha scagliata contro uno degli addetti alla vigilanza che lo stavano inseguendo ferendolo allo zigomo. Soltanto a fatica, l’altra guardia giurata è riuscita a raggiungere e bloccare il malvivente e a riportarlo all’interno del supermercato, in attesa dell’arrivo degli agenti delle Volanti.

A causa delle ferite riportate, le guardie sono ricorse al Pronto Soccorso dove gli sono state riscontrate lesioni alla mano sinistra e allo zigomo sinistro, giudicate guaribili in 5 giorni. Al termine degli accertamenti, il 36enne è condotto al carcere di Montorio.