Giarol Grande, i nuovi criteri per la prossima gestione dell’area

La Giunta comunale ha definito i criteri per la prossima gestione del fondo del Giarol Grande, in base ai quali sarà scelto il gestore dell’area naturalistica.

Andrea Bassi assessore Comune di Verona
L'assessore del Comune di Verona Andrea Bassi

Il nuovo avviso pubblico individuerà fra associazioni, onlus e società la proposta migliore per aggiudicarsi la gestione dello spazio verde. Si è voluto dare priorità alle iniziative per i cittadini, dalla fattoria didattica all’agriturismo, dalle attività per il cicloturismo alle escursioni naturalistiche.

L’area era stata assegnata nel 2017 per 9 anni ad un’Ati composta da 3 società, una agricola, l’altra specializzata in progetti didattici e una terza di tipo sociale. Ma il raggruppamento si è sciolto a fine 2020, portando di fatto alla conclusione anticipata della concessione.

LEGGI ANCHE: A Porto San Pancrazio trovate uccise due bambine di 3 e 11 anni, ricercata la madre

L’Amministrazione comunale ne ha approfittato per rimodulare il bando, affinché il parco naturalistico sia valorizzato al massimo delle sue potenzialità, diventando un’area a disposizione di tutti i veronesi.
L’offerta economica passerà in secondo piano e non ci sarà una gara oggetto di rilanci. Tutto si baserà sulla migliore proposta in termini di attività, gestione e cura del sito. Saranno previsti degli oneri gestionali per garantire la manutenzione, la vigilanza e la cura dei servizi igienici pubblici. Così come la conduzione dei terreni agricoli circostanti.

I progetti potranno poi essere arricchiti con ulteriori attività, come punti ristoro sotto forma di circoli ricreativi, centri estivi, spazi per feste private, nuovi percorsi per passeggiate e biciclette. L’offerta più completa e innovativa porterà alla scelta del nuovo soggetto affidatario. Questa mattina, in diretta streaming, l’assessore al Patrimonio Andrea Bassi ha illustrato quelli che saranno i criteri contenuti nel nuovo avviso pubblico.

Le parole dell’assessore Bassi

«Ci siamo presi il tempo per valutare il nuovo procedimento. – commenta l’assessore del Comune di Verona, Andrea Bassi – L’obiettivo è trovare il miglior gestore per restituire alla città questo patrimonio verde, amato dai veronesi. Vogliamo che sia uno spazio a disposizione di tutti, con un ricco programma di attività e iniziative. Allo stesso modo che il conduttore valorizzi i terreni circostanti e il verde. Si tratta di un’area bellissima della città che ha un potenziale enorme, per questo procederemo in tempi rapidi con l’avviso pubblico e la disamina delle proposte che arriveranno». 

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM