Garda, arresto per droga. Trovati oltre 5 chili

A seguito di una segnalazione dei cittadini, i Carabinieri di Bardolino hanno perquisito un'abitazione nel Comune di Garda, che conteneva oltre 5 chili di droga e 6 500 euro in contanti. La perquisizione ha portato all'arresto di F.E., ora agli arresti domiciliari presso la sua abitazione di Castelnuovo del Garda.

Alcuni cittadini, insospettiti e impauriti da un andirivieni di ragazzi all’interno di un’abitazione nel comune di Garda, dove vi si recavano con una certa frequenza per intrattenersi solo alcuni minuti e poi andare via velocemente, hanno informato i Carabinieri della Stazione di Bardolino, probabilmente anche per essere rassicurati. 

I militari, compreso che i movimenti segnalati erano quasi certamente riconducibili ad un traffico di sostanze stupefacenti, hanno organizzato e attuato servizi di osservazione sull’abitazione in argomento.

Acquisiti tutti gli elementi che suffragavano quanto ipotizzato, nel pomeriggio del 29 luglio i Carabinieri hanno eseguito una perquisizione della casa. Una volta all’interno, una donna  di origini romene, A.C. di anni 47, ha fatto accedere i militari senza fare alcuna opposizione, anche nel momento in cui la stessa veniva informata che la sua abitazione doveva essere perquisita: nella vicenda, la stessa è risultata poi completamente estranea.

Nel contesto i militari hanno anche appurato l’esistenza di una taverna indipendente dal resto dell’abitazione, chiusa a chiave, utilizzata in via esclusiva dal fratello dell’ ex marito della donna, il quarantanovenne F.E. di Castelnuovo, non presente al momento della perquisizione, ma che sarebbe arrivato di lì a poco.

I Carabinieri, avuta la possibilità di accedere anche nella taverna, hanno perquisito anche questo piccolo locale dove hanno rinvenuto 3,5 kg di hashish, 2 kg di marjuana e la somma di 6.500,00 euro in contanti in banconote di vario taglio. La somma, con ragionevole certezza, era da considerare come provento del traffico illecito. A conferma di ciò, il rinvenimento di 2 bilancini e di materiale adatto al confezionamento in dosi.

Nella mattinata di sabato 01 agosto, il G.I.P. ha convalidato l’arresto e, dopo l’interrogatorio di garanzia, ha disposto che F.E. prosegua la custodia cautelare presso la propria abitazione di Castelnuovo del Garda, agli arresti domiciliari.