Furto di energia e occupazione abusiva: coppia in manette

Furto di energia elettrica e occupazione abusiva di terreni ed edifici. Con queste accuse una coppia di origini marocchine è stata arrestata nell’appartamento del capo stazione di Bevilacqua. I carabinieri di Minerbe hanno trovato all’interno dell’abitazione diversi elettrodomestici di cui usufruivano grazie ad un bypass sulla rete elettrica pubblica.

Continuano i casi di occupazione abusiva di abitazioni a Minerbe. Questa volta in manette è stata messa una coppia che si era appropriata dell’appartamento del capo stazione di Bevilacqua.

Marito e moglie, C.M.H. classe ’59 e E.A.R. classe ’66 entrambi di origini marocchine e pregiduicati, si erano infatti introdotti nell’abitazione senza alcun permesso. All’arrivo dei carabinieri di Minerbe, all’interno della casa, sono stati trovati numerosi elettrodomestici tra cui tre stufette elettriche, tre televisori, un congelatore, due  frigoriferi e un boiler elettrico. Inoltre i coniugi fruivano dell’energia elettrica grazie ad un bypass effettuato sulla rete elettrica pubblica.

I due sono stati quindi arrestati per furto aggravato di energia elettrica e denunciati a piede libero per invasione di terreni ed edifici. Oggi si terrà il giudizio per direttissima.