Furti in successione all’Adigeo: cinque giovani nei guai

Hanno sottratto merce per 1400 euro e l’hanno nascosta nel garage dell’Adigeo: cinque giovani intercettati dalla Polizia di Stato. Per due di loro scattano le manette; denunciati gli altri tre.

polizia tentato furto all'adigeo
New call-to-action

Si davano il cambio entrando e uscendo da un negozio all’altro e facendo la spola tra il centro commerciale e il parcheggio sito nel piano interrato: i cinque giovani – di età compresa tra i 20 e i 25 anni e tutti di origine indiana, ma gravitanti tra l’Italia e l’Inghilterra – sono stati individuati dalla Polizia di Stato nel pomeriggio di ieri.

I diversi episodi di furto, commessi in un brevissimo arco temporale ai danni di sei punti vendita differenti, sono stati segnalati alla centrale Operativa della Questura intorno alle 17.

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

Quando gli agenti delle Volanti hanno raggiunto il centro commerciale, i cinque presunti responsabili – che nel frattempo erano stati fermati dal personale addetto alla sicurezza – avevano ancora indosso o comunque al seguito parte della refurtiva. Uno di loro, il più grande dei cinque, portava ancora in tasca l’arnese che poco prima aveva presumibilmente utilizzato per rimuovere le placche antitaccheggio. Un altro ancora ha estratto dalle tasche un paio di chiavi ammettendo, insieme agli altri, di aver riposto le altre buste e gli zaini contenenti i restanti beni sottratti nell’auto di sua proprietà che aveva parcheggiato al piano interrato.

Le successive verifiche effettuate dai poliziotti hanno consentito di ricostruire l’esatta dinamica: dopo essere entrati, tutti insieme, nel primo negozio e aver rimosso le placche antitaccheggio dei capi che avevano preso dagli scaffali, si sono poi divisi tra chi si intrufolava in un altro punto vendita e chi nascondeva la refurtiva in auto.

LEGGI ANCHE: Arresto cardiaco in strada a Verona: rianimato con il 118 al telefono

Quando gli agenti li hanno controllati, hanno rivenuto buste e zaini contenti la merce, per un valore complessivo di circa 1400 euro, che è stata debitamente riconsegnata agli aventi diritto.

Dopo essere stati portati in Questura per i necessari accertamenti, due di loro – rispettivamente il proprietario dell’autovettura e il soggetto trovato in possesso delle placche antitaccheggio – sono finiti in manette con l’accusa di furto aggravato e continuato in concorso; gli altri tre, per lo stesso reato, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE: Parte lo sviluppo della Marangona: a breve l’accordo