Forti difficoltà per gli aeroporti veneti. Donazzan: «Avvio di un tavolo di crisi»

L’Assessore regionale al Lavoro Donazzan ha partecipato a due diversi incontri relativi alla grave situazione degli occupati degli aeroporti del Veneto. «Il sindacato ha chiesto l’attivazione di un tavolo di crisi degli aeroporti veneti a cui ho risposto positivamente. Oggi il tema è stato l’occupazione, ma qui si coinvolge tutto il settore del turismo, sviluppo economico e trasporti» ha affermato.

Elena Donazzan faccetta nera
Elena Donazzan, assessore regionale al Lavoro

L’Assessore regionale al Lavoro Elena Donazzan, supportata dall’Unità di Crisi aziendali della Regione, ha oggi partecipato a due diversi incontri relativi alla grave situazione degli occupati degli aeroporti del Veneto. Uno si è svolto con CGIL, CISL e UIL, presenti i tre referenti per le crisi aziendali e i loro rappresentanti di categoria del settore trasporti e commercio, il secondo con UGL. 

Il tema degli incontri è la forte preoccupazione per la tenuta occupazionale di un settore molto complesso, che oggi è completamente in ginocchio. La situazione non riguarda solo gli occupati diretti delle società di gestione aeroportuale degli aeroporti di Venezia, Treviso e Verona, ma una variegata tipologia di lavori diversi e di aziende collegate: si va dai negozi e le attività commerciali presenti in aeroporto, dalla ristorazione al commercio al dettaglio, ai lavoratori del facchinaggio, della logistica, della manutenzione, ecc.

LEGGI ANCHE Rilancio dei soci pubblici per il Catullo? Pasetto: «Una favoletta»

«Gli aeroporti veneti hanno una forte vocazione turistica – sottolinea Donazzan – ciò legato ad un turismo internazionale completamente fermo sta rendendo la situazione ancora più insostenibile. Il sindacato ha chiesto l’attivazione di un tavolo di crisi degli aeroporti veneti a cui ho risposto positivamente. Oggi il tema è stato l’occupazione, ma qui si coinvolge il settore del turismo, sviluppo economico e trasporti per cui prevediamo il coinvolgimento dei colleghi assessori regionali di competenza». 

Nelle riunioni si è fatto riferimento anche ad una situazione resa più difficile dalla mancanza di ammortizzatori. «Ho informato di una anomalia che riguarda la copertura degli ammortizzatori sociali per i lavoratori di settore» sottolinea ancora l’Assessore regionale al lavoro. «Per ben tre volte è stata portata all’attenzione dell’aula la votazione per la conversione dei decreti legge copertura per lavoratori del settore aeroportuale veneto, emendamento presentato dal Veneto, fatto proprio dalla IX Commissione della Conferenza Stato Regioni, e poi dalla Conferenza dei Presidenti».

«Ma per tre volte con due Governi diversi l’emendamento non è stato accolto. Proporremo un interpello congiunto al Ministero del Lavoro per risolvere questa anomalia. Gli ammortizzatori sociali sono stati promessi a tutti ma questi lavoratori sono ancora scoperti e hanno bisogno di particolare sostegno, in attesa che gli aeroporti tornino a lavorare» conclude.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM