Folle inseguimento in via Unità d’Italia tra una mini Cooper e i carabinieri

Nel primo pomeriggio di oggi i carabinieri della stazione di San Michele Extra hanno effettuato un posto di controllo in via Unità d’Italia: un’autovettura apparsa sospetta è sfuggita allo stop delle forze dell'ordine, che si sono viste letteralmente travolgere dal veicolo, diretto a San Martino Buonalbergo.

L’equipaggio a quel punto, balzato in auto per porsi all’inseguimento della mini Cooper, con dispositivi luminosi ed acustici azionati, ha iniziato a seguire il conducente che, noncurante di alcun limite di velocità, ha travolto nella folle corsa una Peugeot 5008 che lo precedeva, tamponandola: così i militari, per sbarrare la strada al veicolo, lo hanno bloccato, affiancandocisi, con la vettura di servizio, riuscendo finalmente ad arrestare la pericolosa fuga.

Quest’ultimo, un 35enne di origine marocchina domiciliato a San Bonifacio, si è a quel punto lanciato fuori dall’auto, cominciando a scappare a piedi per tentare ancora un’ultima, disperata fuga: i militari lo hanno ancora una volta rincorso e, dopo una breve colluttazione, sono riusciti a bloccarlo.

L’uomo è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente: difatti, la ragione della sua fuga è da ricondurre al possesso di un involucro di 20 grammi di cocaina, nascosto nei pantaloni che indossava. Domani l’uomo comparirà dinanzi al giudice per la celebrazione del rito direttissimo.

LEGGI ANCHE: Dieci comuni contrari alla discarica di “Car fluff” a Sorgà