Fine vita, il PD toglie a Bigon la delega di vicesegretaria

Dopo le polemiche per l’astensione di Anna Maria Bigon durante il voto sul fine vita in consiglio regionale, il segretario provinciale del Partito Democratico Franco Bonfante prende in mano la situazione.

Partito Democratico - Conferenza fine vita, Franco Bonfante
Conferenza stampa del Partito Democratico

Il Partito Democratico veronese prende provvedimenti nei confronti della consigliera regionale Anna Maria Bigon, dopo il caso del discusso voto sul fine vita in consiglio regionale. Revocata la delega di vicesegretaria del PD locale all’ex sindaca di Povegliano Veronese «per il venir meno del rapporto di fiducia politica, tenuto conto del generale sentimento di iscritti ed elettori del PD veronese, in grandissima maggioranza sconcertati e delusi dalla scelta di Bigon e favorevoli a regolamentare il fine vita a seguito della sentenza della Consulta» spiega il partito in una nota. «Peraltro un sondaggio dello scorso anno commissionato dalla TV la 7 di Mentana riportò che il 90 per cento degli italiani è favorevole a regolamentare il fine vita e il segretario è convinto che lo sia il 99 per cento degli elettori del PD».

Le decisioni sono state spiegate questa mattina dal segretario provinciale del PD Franco Bonfante durante una conferenza stampa nella sede del partito.

LEGGI ANCHE: Ztl allo Stadio, a Verona si parte con il piano definitivo

Partirà oggi o al massimo domani la convocazione della Direzione Provinciale del Partito Democratico Veronese che lunedì 5 febbraio, dalle 18.30 alle 23, in un luogo in via di definizione, esaminerà come primo punto all’ordine del giorno la vicenda della proposta di legge regionale sul fine vita. Al secondo punto una mozione riguardante il collettore del Lago di Garda.

La relazione introduttiva sarà svolta dalla responsabile provinciale “Diritti Civili” Vera Scola che illustrerà la sentenza della Corte Costituzionale del 2019, da cui è nata l’esigenza di approvare una legge.

Il Segretario provinciale Pd Franco Bonfante presenterà poi documento da proporre al voto della Direzione e a seguire vi sarà il dibattito, al quale sono stati invitati a partecipare anche il Segretario regionale Andrea Martella e la capogruppo del Partito Democratico in Regione Vanessa Camani, che – se presenti – potranno intervenire dopo la Consigliera regionale Anna Maria Bigon.

Il segretario fisserà anche i tempi per le relazioni, le repliche e gli interventi degli aventi diritto. Il dibattito ed il conseguente voto dovrà comunque concludersi entro le ore 23.

Bonfante premette di condividere totalmente gli interventi al riguardo della Segretaria nazionale Elly Schlein, la quale aveva sottolineato: «… Che la destra abbia sconfessato Zaia non stupisce ma è una ferita che ci sia stato un voto del PD; se il gruppo del PD vota a favore e ti chiede di uscire dall’aula, è giusto uscire dall’aula, perché l’esito di quella scelta cade su tutti…».

Condivide anche quanto detto dal Segretario regionale Martella: «Il PD chiede a Zaia di approvare immediatamente, non una circolare (…) ma una delibera di Giunta per ovviare ad incertezze e possibili disomogeneità all’interno della Regione, che recepisca la sentenza della Corte Costituzionale».

LEGGI ANCHE: Passaporto in provincia di Verona: si può fare anche in 7 uffici postali

Franco Bonfante, segretario provinciale Partito Democratico Verona
Franco Bonfante, segretario provinciale Partito Democratico Verona

Sulla vicenda, Bonfante spiega: «Non credo nelle sanzioni disciplinari su temi etici ed è corretto che sia lasciata libertà di voto per motivi di coscienza, ma chi la pratica deve essere consapevole delle conseguenze politiche, a maggior ragione se vi erano alternative, come l’uscita dall’aula con una contemporanea dichiarazione esplicativa. Del resto, Consiglieri e Consigliere di centrosinistra, componenti di importanti comunità religiose cattoliche, hanno votato a favore della proposta di legge, spiegandone le ragioni con interventi di grande spessore e profondità in riviste cattoliche».

Un precedente simile a Verona risale al 2018 quando l’allora capogruppo Pd in Consiglio comunale di Verona Carla Padovani votò a favore di mozioni della Lega su temi eticamente sensibili e venne per detto motivo sostituita nella funzione dai suoi colleghi su loro decisione, sentito anche il segretario Nazionale Maurizio Martina.

«Rilevo altresì – continua Bonfante – che nella mia esperienza decennale di Consigliere Regionale e di Vicepresidente del Consiglio Regionale del Veneto mi sono trovato in alcuni casi in dissenso rispetto al mio gruppo, ma ho sempre votato quello che il gruppo a maggioranza decideva, pur su temi che potevano essere considerati sensibili, perché è così che ci si comporta quando rappresenti un’intera comunità: il senso di responsabilità nei confronti degli altri e della comunità che si rappresenta, non è meno importante del rispondere alla propria coscienza, che riguarda se stessi».

Bonfante conclude precisando di assumersi «personalmente l’intera responsabilità della scelta riguardante Bigon; non voglio coinvolgere nessun altro dell’Esecutivo, della Direzione o del Partito al quale eventualmente risponderò della decisione nelle sedi e organi competenti».

LEGGI ANCHE: Sr450 Peschiera-Affi vietata ai camion per tutta l’estate