Fermato un pusher allo Stadio con eroina super-raffinata, la nascondeva nel calzino

Nascondeva nei calzini numerose dosi di eroina "thailandese". Pusher 32enne arrestato dalla Polizia. Un arresto per furto anche in viale della Nazioni.

polizia verona spaccio droga eroina stadio

Eroina “thailandese” di alta qualità, il pusher 32enne ce l’aveva nel calzino

È conosciuta come la “thailandese“: una qualità di eroina molto rara che deve il suo nome all’area geografica in cui, storicamente, si è registrata la produzione più massiccia. La sua lavorazione richiede più elevate competenze, maggiore attrezzatura, tempi più lunghi.

Proprio il maggior grado di raffinazione della sostanza comporta la produzione di una quantità inferiore di prodotto finale che contiene, però, una percentuale di principio attivo molto più elevata rispetto all’eroina tradizionale. Questa caratteristica la rende anche più costosa, destinata ad acquirenti con una discreta capacità di spesa.

LEGGI ANCHE: Sparatoria di Trieste: ancora detenuto a Verona, è caso nazionale

La droga è stata trovata all’interno di un calzino che lo spacciatore indossava quando è stato fermato dagli agenti delle Volanti sabato intorno alle 12.30 in piazzale Olimpia, quartiere Stadio.

I poliziotti hanno deciso di fermarlo dopo che, alla vista degli operatori, l’uomo aveva cambiato repentinamente direzione nel tentativo di eludere un eventuale controllo.

Oltre ai 9 involucri termosaldati che il 32enne nascondeva nel calzino, nell’abitazione dell’uomo i poliziotti hanno trovato altre 10 dosi di eroina bianca thailandese, un coltello da cucina su cui erano ancora presenti delle tracce di droga, utilizzato per la suddivisione della sostanza e la somma di 255 euro in contanti, verosimile provento dell’attività di spaccio.

Al termine degli accertamenti, il giovane è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e la droga rinvenuta – 5 grammi circa complessivamente – è stata sequestrata.

Questa mattina il 32enne è comparso davanti al giudice che, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto nei suoi confronti la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria tre volte la settimana.

LEGGI ANCHE: Plateatici farmacie per tamponi, Benini replica: «Concessioni già decadute»

Sabato pomeriggio arresto all’Adigeo, 25enne prova a rubare un pc portatile e lo rovina

Un altro arresto è stato effettuato dagli agenti delle Volanti sabato pomeriggio, intorno alle 17.30. A finire in manette un ragazzo di venticinque anni, autore di un furto commesso all’interno del negozio MediaWorld del centro commerciale Adigeo.

A segnalare il furto alla Centrale Operativa della Questura è stato l’addetto alla vigilanza che, vedendo le barriere antitaccheggio allarmarsi al passaggio de ragazzo, lo ha inseguito fino all’uscita del centro commerciale dove è riuscito a bloccarlo.

La merce rubata – un computer portatile – è stata trovata, parzialmente rovinata, all’interno della borsa che il giovane portava con sé. Il danno è stato, con molta probabilità, causato dal tentativo maldestro del ragazzo di strappare i fili metallici che assicuravano il pc al banco dov’era esposto.

LEGGI ANCHE: Ecco le dieci “Librerie di qualità” veronesi secondo il Ministero

A seguito dell’arresto per il reato di furto aggravato, il venticinquenne è stato accompagnato in Questura, dove su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica Stefano Aresu, ha atteso lo svolgimento del rito direttissimo.

Questa mattina il giudice, dopo la convalida dell’arresto, ha condannato il 25enne alla pena di 8 mesi di reclusione e 200 euro di multa.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv