Fermato per un controllo a Verona Porta Nuova: arrestato con quasi 50 grammi di hashish

L'uomo, in un primo momento apparentemente collaborativo, ha poi tentato di disfarsi della droga gettandola a terra.

18.04.2024 - Polfer - Ordine di carcerazione
Foto d'archivio

Un marocchino di 32 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato perché trovato in possesso di circa cinquanta grammi di hashish. Da una segnalazione pervenuta dalla Sala Operativa della Questura di Verona il giovane, indicato come persona sospetta che si aggirava nella zona, è stato individuato e fermato all’interno della stazione venerdì scorso da una pattuglia della Polizia Ferroviaria del Settore Operativo di Verona, impegnati nei controlli, affiancati dai militari dell’Esercito impegnati da novembre scorso nel piano “stazioni sicure”.

LEGGI LE ULTIME NEWS

L’uomo, sebbene irregolare nel territorio, si è dimostrato apparentemente collaborativo nei confronti degli agenti che lo stavano accompagnando in ufficio, mantenendo la calma e nascondendo il proprio nervosismo per evitare un controllo più approfondito. Ma il suo strano comportamento non è sfuggito ai poliziotti i quali hanno notato che, mentre il ragazzo camminava accomodandosi i pantaloni con apparente indifferenza, aveva fatto sfilare a terra dall’interno alcuni pezzi di materiale scuro confezionato con del cellophane, poi risultato trattarsi di sostanza stupefacente, nel tentativo di disfarsene.

Recuperato il materiale, quale elemento di prova, gli agenti hanno completato il controllo negli uffici procedendo alla perquisizione e, nascosto negli indumenti, hanno rinvenuto un altro involucro, sempre di tipo cannabinoide.

L’uomo, arrestato in flagranza per il reato di traffico di stupefacenti, il giorno successivo è stato condotto in udienza innanzi al Giudice del Tribunale di Verona il quale, dopo aver convalidato la misura, lo ha condannato alla pena di sei mesi di reclusione ed 800 euro di multa, sospendendone gli effetti, anche detentivi, e disponendo la confisca e la distruzione della sostanza stupefacente.

La posizione è stata già segnalata all’Ufficio Immigrazione della Questura scaligera per la possibile adozione di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

LEGGI ANCHE: Verona, entrano in servizio 17 nuovi medici di base (su 213 zone carenti)