Fermati in centro a Verona senza mascherine, aggrediscono gli agenti

Fermati per strada in centro storico a Verona senza le mascherine, aggrediscono gli agenti della Polizia locale facendoli finire al pronto soccorso.

sciopero polizia locale di verona
Foto d'archivio.

Fermati per strada in centro storico a Verona senza le mascherine, obbligatorie in tutto il Veneto, aggrediscono gli agenti della Polizia locale facendoli finire al pronto soccorso. Ora dovranno rispondere di resistenza a pubblico ufficiale e pagare entrambi una multa di 400 euro.

Ieri pomeriggio, due veronesi, un uomo di 37 e una donna di 38 anni, si sono resi protagonisti di un vero e proprio atto di violenza nei confronti della Polizia locale, impegnata nel controllo del territorio e nel rispetto delle norme per il contenimento dei contagi.

La coppia, allo stop degli agenti, nonostante la presenza dei figli minori, si è prima rifiutata di fornire le generalità e poi si è scagliata contro la Polizia locale, aggredendo gli operatori che, per le lesioni riportate, sono finiti al pronto soccorso.

I due sono stati segnalati alla Procura della Repubblica per violenza finalizzata alla resistenza a pubblico ufficiale. Per entrambi è scattata la sanzione amministrativa da 400 euro, prevista dall’ordinanza regionale che impone l’uso delle mascherine ogni volta che si esce da casa.

«I divieti dovuti all’emergenza sanitaria ci impongono sacrifici e tutti siamo messi a dura prova. Ma non ci sono giustificazioni sufficienti per quanto successo» afferma il sindaco Federico Sboarina.

«A maggior ragione non può essere tollerata la reazione molesta avuta nei confronti dei nostri agenti, che facevano il proprio dovere nel far rispettare l’ordinanza regionale. È quindi inaccettabile il disprezzo mostrato per le regole della civile convivenza e per gli sforzi che invece migliaia di veronesi rispettosi stanno facendo. La salute di tutti dipende anche dal comportamento dei singoli».