Vantini: «Verona merita una visione di più ampio raggio»

Federico Vantini, già primo cittadino di San Giovanni Lupatoto, decide di rimettersi in gioco in politica dopo un breve periodo di stop candidandosi al consiglio comunale di Verona a fianco dell'ex collega sindaco Flavio Tosi. Da architetto popone di ripensare allo sviluppo di città guardando a modelli esistenti, ad esempio Valencia, in cui modernità e antichità vanno a braccetto e creano economie reali.

Federico Vantini
Federico Vantini

Federico Vantini, candidato per la Lista Tosi, racconta la Verona che si immagina nel futuro: moderna, innovativa e strutturalmente simile alla città spagnola di Valencia. Illustra poi l’importanza di riportare in politica e nelle città il ruolo dell’architetto.

Si è avvicinato alla politica all’università, mentre studiava Architettura, corretto?

Sì. Attraverso il percorso universitario ho costruito la mia storia politica. La passione è nata perché ho sempre studiato l’aspetto dello sviluppo della città. Ho sempre pensato che la città debba tornare in mano agli architetti, sempre in sinergia con la politica naturalmente. Oggi ci troviamo davanti spesso e volentieri a una forte limitazione per noi architetti. Verona ha bisogno di una progettazione di ampio respiro, secondo me.

Nel 2007 si avvicina alla politica con il Partito Democratico, quindi. Si sentiva vicino ai suoi valori?

All’epoca cercavo di capire quale potesse essere il mio collocamento politico. Non mi riconoscevo nell’era berlusconiana di quegli anni, e pensavo che il PD italiano mi potesse appartenesse. Poi però strada facendo ho capito che l’anima del partito si discostava un po’ troppo dalla mia.

Una tappa importante del suo percorso fu l’incontro con Matteo Renzi…

L’ascesa di Renzi di quel momento abbracciava dei valori che mi appartenevano. Ci siamo conosciuti, mi ha aiutato durante la campagna elettorale per il sindaco di San Giovanni Lupatoto, che poi vinsi. Ho dato fiducia a Renzi e anche grazie a lui abbiamo ottenuto importanti risultati. Poi le cose sono cambiate e ho lasciato l’incarico. L’avventura è venuta meno, e ho scelto di sciogliere la Giunta per capire chi era dalla mia parte e chi no.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Guarda l’intervista su Radio Adige Tv


Poi per un certo periodo si è staccato dalla politica, per ricaricare le energie.

Sono tornato a vivere in Borgo Roma, dopo l’esperienza come sindaco, e da lì ho iniziato un paio di anni di relax politico. Poi c’è stato un tentativo di costruire un qualcosa di civico: l’idea di raccontare Verona in chiave futura e moderna non mi ha mai abbandonato.

Esistono di modelli di città europee che potrebbero in qualche modo aiutare Verona?

Assolutamente. Non prendo modelli di città nordiche, che hanno una struttura e una storia completamente diversa. Prendo come riferimento piuttosto una città latina, Valencia. Negli anni è riuscita a rinnovare il suo patrimonio urbano con delle strutture che sono esse stesse attrazione turistica. Da un bacino di due milioni e mezzo di turisti, in pochi anni Valencia è riuscita a triplicarli. C’è stato un investimento chiaro, un confronto diretto con i cittadini ma soprattutto un obiettivo ben definito. Io credo fortemente che anche Verona abbia il medesimo potenziale.

LEGGI ANCHE:
Il ricordo di Madiha, investita a Porta Vescovo: «La persona migliore che abbia conosciuto»

Il 12 giugno sarà accanto al candidato sindaco Flavio Tosi. Quali punti in comune ha trovato?

Flavio Tosi l’ho conosciuto in questi anni, ha un’ammirevole capacità amministrativa. Io e Tosi ci rendiamo conto dell’importanza degli interventi sulla qualità della vita in città, come la sicurezza in città. Questo si può realizzare tramite politiche attive e progetti dati da una visione moderna di città, proprio come accennavo prima. Insieme quindi condividiamo lo stesso modello di città.

Si sente ancora con Matteo Renzi, a distanza di tanti anni?

Ci siamo rivisti dopo sette anni di silenzi e ci siamo riabbracciati. Per me quell’incontro e quell’abbraccio hanno significato la chiusura di un percorso e l’inizio di un nuovo percorso.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE E LE INTERVISTE
SULLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE A VERONA
DI GIUGNO 2022

radio adige tv

👇 Ricevi il Daily! È gratis 👇

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP 👈
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM 👈