Federico Testa è il nuovo presidente di Agsm Aim

Dopo la revoca di Casali e Vanzo, il sindaco Tommasi ha scelto Federico Testa come presidente e Angela Broglia consigliera di amministrazione.

Federico Testa
Federico Testa

L’assemblea dei soci di Agsm Aim ha revocato oggi dall’incarico il presidente Stefano Casali e la consigliera di amministrazione Francesca Vanzo, come formalmente richiesto dal sindaco Damiano Tommasi nelle scorse settimane «a seguito del venir meno del rapporto fiduciario con il socio di maggioranza Comune di Verona, dopo il rifiuto di un autonomo passo indietro a loro sollecitato» spiega la nota di Palazzo Barbieri.

Alla revoca è seguita l’indicazione di due nuovi consiglieri di amministrazione da parte del Comune di Verona, passaggio sollecitato anche dal sindaco di Vicenza Francesco Rucco per garantire l’operatività all’azienda e anche a tutela degli interessi dei cittadini di Verona. Il nuovo presidente di Agsm Aim sarà Federico Testa, Angela Broglia consigliera di amministrazione.

LEGGI ANCHE: Pressana, cade nella cisterna e perde la vita

«Abbiamo voluto indicare fin da subito, cosi come richiesto anche dal sindaco Rucco, i due nuovi consiglieri a seguito dell’avviso tempestivamente pubblicato, con l’auspicio di riportare serenità per una azienda che deve affrontare situazioni contingenti del settore delicate e strategiche per la città», ha commentato al termine dell’assemblea il sindaco Damiano Tommasi.

Stefano Quaglino rimane per ora consigliere delegato

Per quanto riguarda i due punti all’ordine del giorno integrati dal consiglio di amministrazione di lunedì 28 novembre con i quali veniva richiesto ai soci di esprimersi sulla revoca del consigliere delegato Stefano Quaglino e di deliberare conseguentemente l’azione di responsabilità nei suoi confronti, l’assemblea con il voto determinate del socio di maggioranza Comune di Verona ha deciso di non procedere nel senso proposto dal consiglio di amministrazione in quanto il sindaco Tommasi non ha ritenuto di essere stato messo nelle condizioni di valutare attentamente in tutte le sfaccettature e con dovuta perizia l’operato dell’ing. Quaglino.

Infatti in apertura di assemblea il Comune di Verona aveva chiesto al Presidente lo stralcio e il rinvio dei due punti integrativi dell’ordine del giorno, al fine di consentire che su di essi si esprimesse una prossima assemblea all’esito di un esame competente e attento da parte del rinnovato Cda, ma il presidente Casali ha ritenuto di non ammettere la modifica all’ordine del giorno richiesta dal sindaco di Verona, mantenendo così inalterato l’ordine dei lavori e costringendo i soci a votare nonostante le manifestate incertezze.

LEGGI ANCHE: Prostituzione: un locale sequestrato a Verona e due uomini ai domiciliari

Chi è Federico Testa

Federico Testa è professore ordinario dell’Università di Verona, già presidente dell’Enea (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e in passato deputato con il Partito Democratico. Il suo nome era già circolato anche per un assessorato, quando Tommasi doveva costruire la propria giunta.

Lo scorso luglio è stato ospite degli Stati generali della Lessinia, l’evento organizzato da Verona Network a Bosco Chiesanuova.

«Sostenibilità è una parola bellissima e terribile perché è facile – ha spiegato Testa in quella sede – . Dobbiamo riempirla di concretezza da tutti i punti di vista. Quando poi si passa dalla consapevolezza della necessità di un intervento reale alle cose concrete da fare, bisogna confrontarsi con i problemi veri e seri».

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM