Fairtrade Italia alla Don Milani Middle School di Pescantina

Una proposta sul commercio equosolidale per le classi delle medie alla vigilia della chiusura delle scuole. Gli studenti sono stati infatti coinvolti in un progetto di approfondimento sul commercio equo con la partecipazione di Fairtrade Italia.

Gli studenti durante una lezione con Wendy Rodriguez della cooperativa Acopagro

La scuola bilingue della Valpolicella, come tutte le scuole, dall’inizio della pandemia ha dovuto approfondire il tema della didattica a distanza e ha approfittato della possibilità data dalla tecnologia per dare il via ad un progetto di cittadinanza attiva grazie alla collaborazione con Fairtrade Italia.

Nelle settimane precedenti alla chiusura delle scuole, gli studenti delle classi medie sono stati coinvolti in un progetto di approfondimento sul commercio equo con la partecipazione di Fairtrade Italia. Nello stile innovativo della scuola, la proposta si è articolata in una prima parte di lezioni frontali e in una seconda parte di collegamento con un’organizzazione di agricoltori di cacao peruviani.

Wendy Rodriguez della cooperativa Acopagro, ha risposto in diretta su GoogleMeet alle domande e alle curiosità dei ragazzi, portando la sua esperienza personale e professionale all’interno di un’organizzazione nata sulle ceneri della coltivazione della coca e che poi, grazie anche all’apporto di Fairtrade, è diventata una delle aziende più fiorenti del Perù, primo esportatore di cacao del Paese verso l’Europa e gli Stati Uniti.

I moduli formativi sono stati un’occasione per approfondire non solo di temi come la produzione del cacao, il consumo responsabile, il valore del commercio equo ma anche per pratica della lingua spagnola attraverso il contatto diretto con l’organizzazione peruviana.

La collaborazione tra Fairtrade e Scuola Don Milani proseguirà attraverso l’elaborazione di un progetto formativo più ampio centrato sullo sviluppo sostenibile e gli Obiettivi dell’Agenda 2030. Secondo l’approccio concreto proposto dalla scuola, l’obiettivo pedagogico sarà quello di offrire degli esempi pratici che portino i ragazzi verso un maggior protagonismo nelle scelte di tutti i giorni e nella possibilità di offrire il proprio apporto per la realizzazione di una società più attenta alle persone e all’ambiente. 

I temi Fairtrade andranno quindi ad arricchire una proposta formativa già di per sé non convenzionale e che comprende anche insegnamenti come circo, narrazione, teatro, arte, robotica, intercultura, educazione emotiva, problem solving, educazione alla salute e alla cittadinanza.

La scuola è stata fondata nel 2012 a Pescantina da quattro soci “di sogni”: Damiano Tommasiex calciatore professionista, con la moglie Chiara Pigozzi, Responsabile dell’Istituto, Cristian Zivelonghi amico d’infanzia e commercialista e sua moglie Graziella Pennisi, professoressa d’Italiano.

«Facendo di necessità virtù abbiamo voluto proseguire nel nostro progetto educativo di apertura al mondo attraverso la testimonianza diretta. L’uso della lingua spagnola e della tecnologia ha permesso ai ragazzi di trasferirsi virtualmente in un Paese lontano e sentire direttamente l’esperienza coinvolgente di Wendy» ha dichiarato Damiano Tommasi a commento dell’iniziativa.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM