Ex ghiacciaia, Tosi: «Sboarina continua a tagliare nastri di opere non sue»

Sulla riqualificazione della ghiacciaia degli ex Magazzini Generali, Tosi dice: «Il progetto è di Fondazione Cariverona, che ci ha messo i soldi, e fu approvato nel 2015 dalla mia Amministrazione, che ottenne i permessi e le autorizzazioni».

Flavio Tosi
Flavio Tosi

Presentati ieri i lavori di riqualificazione della ex ghiacciaia dei Magazzini Generali di Verona, che sarà data in affitto a Eataly. Sul tema attacca il candidato sindaco Flavio Tosi: «Si è concretizzato il nostro lavoro avviato nel 2015, quando approvammo il progetto di recupero proposto e finanziato da Fondazione Cariverona, che poi ne ha passato la gestione al fondo immobiliare Patrizia Ag. Un progetto di matrice privata, perché i soldi li ha messi Fondazione Cariverona, ma che noi in Comune abbiamo sostenuto ottenendo permessi e autorizzazioni per il recupero di tutta l’area degli ex Magazzini Generali».

LEGGI ANCHE: Ritrovato senza vita il 33enne di Fosse

Un recupero che prevedeva, già nel 2015, fa notare Tosi, le stesse destinazioni d’uso che la nuova struttura ospiterà: una parte commerciale, una parte terziario a uso ristorante con l’insediamento di Eataly e una parte a museo, con 1200 posti auto nell’area esterna.

«Il fatto è – continua sarcastico Tosi – che il tra poco non più sindaco Sboarina, non avendo fatto nulla e non avendo dunque nulla da mostrare ai cittadini, taglia nastri e si intesta il merito di opere realizzate da altri, che siano privati o chi l’ha preceduto. Il suo è un affanno comprensibile ma desolante».

LEGGI ANCHE: Marmolada, stop al turismo dell’orrore

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv