Esonda un torrente a Peri, situazione critica nel Veronese

Continuano le conseguenze dell’ondata di maltempo in Veneto e nel Veronese. Nel comune di Dolcè è esondato il torrente Ri, vigili del fuoco sul posto.

Torrente Ri esondato a Peri di Dolcè (21-05-2024)
Torrente Ri esondato a Peri di Dolcè (21-05-2024)

Sono più di trenta gli interventi già effettuati dai vigili del fuoco per allagamenti e danni d’acqua causati per il maltempo che sta interessando tutta la regione dal pomeriggio di lunedì.

Le zone più interessate dalla nuova perturbazione sono le province di Verona, Vicenza e Treviso. La situazione più critica in località Peri nel comune di Dolcè (VR) per l’esondazione del torrente Ri. I vigili del fuoco stanno intervenendo con squadre di Bardolino e Verona con personale soccorritore fluviale alluvionale.

LEGGI ANCHE: Verona, entrano in servizio 17 nuovi medici di base (su 213 zone carenti)

Guarda le foto

Alzato il ponte della Motta a San Bonifacio

«Visto il perdurare delle precipitazioni e in particolare il continuo afflusso d’acqua del torrente Chiampo, per salvaguardare l’area dell’est veronese, ci vediamo costretti a sollevare nuovamente il ponte sull’Alpone» comunica il sindaco di San Bonifacio Giampaolo Provoli. «Questo comporterà la chiusura della strada, pertanto il traffico proveniente dalla Porcilana e i residenti del quartiere Motta dovranno proseguire fino alla rotonda del Famila store».

«Ricordo che siamo ancora in stato di rischio idraulico ed idrogeologico e quindi di continuare a monitorare se foglie o aghi di pino hanno tappato le nostre caditoie. La pulizia delle caditoie e dei tombini, grazie agli oltre 4000 interventi effettuati in primavera, sta permettendo nella grande maggioranza del paese il deflusso regolare dell’acqua dalle strade» aggiunge il sindaco.

AGGIORNAMENTO ORE 17. «Comunico che proprio in questi minuti stiamo ribassando il ponte mobile sul torrente Alpone» fa sapere il sindaco poco prima delle 17. «La piena prevista attorno alle 13.30 è stata superata e tutti gli affluenti dell’Alpone sono in calo.
Siamo passati da allerta rossa ad allerta arancione, pertanto dalle informazioni regionali la fase critica dovrebbe essere terminata».

«La viabilità di tutto il territorio di San Bonifacio è stata ripristinata. Rimane l’incapacità delle campagne e dei fossati a smaltire la grandissima quantità di acqua accumulata, serviranno altri giorni per tornare alla normalità» conclude il sindaco.

LEGGI ANCHE: L’Hellas Verona acquista il centro sportivo Bottagisio

San Bonifacio ponte della Motta alzato
San Bonifacio: ponte della Motta sull’Alpone alzato per precauzione

Altre criticità in Veneto

Nella provincia di Treviso segnalate piccole tracimazioni a Villa D’Asolo che stanno invadendo le strade, a Castelfranco Veneto al lavoro la protezione civile sul torrente Avenale per il travaso di acqua in un altro canale, mentre le idrovore dei vigili del fuoco sono state dislocate ad Asolo.

Nel Vicentino nel comune di Brendola i vigili del fuoco sono intervenuti per un sopralluogo per un masso franato dalla collina e appoggiatosi sul muro perimetrale di un’abitazione, creando un varco di circa 50 centimetri. Allagamenti nei comuni di Marostica, Molvena e Bassano del Grappa.

In particolare a Bassano del Grappa, i vigili del fuoco stanno eseguendo un sopralluogo in località Gaggion Alto, per un movimento franoso sulla strada di collegamento con Valrovina. Un’altra squadra del comando sta valutando altri movimenti franosi lungo la SP72, che collega Bassano ad Asiago.

In provincia di Padova, a Camposampiero sta trafilando il torrente Muson nella zona dove venerdì scorso si era rotto l’argine: soccorritori fluviali alluvionali impegnati in presidio di sicurezza, in arrivo la sezione operativa di alta capacità di pompaggio con unità da Verona, Venezia e Vicenza.

LEGGI ANCHE: Ladri di biciclette a Verona, i consigli della Polizia locale e il video del furto