Entra con un fucile e rapina il bar

Un bottino piuttosto scarso quello portato a casa dal rapinatore che domenica mattina è entrato al Green Bar di via Roveggia con un fucile. Qui la testimonianza della titolare.

Entra al bar ma invece di un caffè si prende il bottino che c’è in cassa. Un malloppo scarso, peraltro, si parla infatti di poche centinaia di euro. Ci troviamo proprio di fronte al bar dove ieri mattina, poco dopo l’apertura, alle 6, prima uno, poi due uomini incappucciati sono entrati armati di un fucile a canne mozze, stando alla testimonianza della titolare, e hanno costretto la donna a consegnargli i soldi.

Ho preso paura perchè era tutto vestito di nero, con un casco in testa. Gli ho chiesto “cosa vuoi”?, e mi ha risposto: “voglio i soldi”

Indossava vestiti neri e un casco grigio il rapinatore del Green Bar di via Roveggia, che in pochi istanti ha sottratto i soldi prima dalla cassa e poi dal portafoglio della titolare.

“Lo so che hai i soldi”, mi ha detto “apri la cassa”. Poi mi ha preso la borsa e il portafoglio.

In mano, l’uomo avrebbe avuto un fucile di grandi dimensioni.

Dopo aver concluso con la donna, il rapinatore si mette al lavoro tentando di prendere i soldi da una slot machine, che però è vuota. Quella mattina di domenica, come se non bastasse, in giro non c’è nessuno, ci racconta la titolare.

Mentre la rapina è in corso arriva anche il compagno, che viene tirato dentro e viene portato in bagno assieme alla donna. Li rimangono rinchiusi, anche se per poco.

Per chiuderli in bagno, che non aveva una chiave, l’uomo ha piegato un tubo e ha chiuso in maniera rudimentale la porta.

L’incubo finisce con la fuga a piedi dell’uomo, che tra le mani però ha ben poco. Si parla solo di qualche centinaia di euro. Del rapinatore, ancora nessuna traccia.

Guarda il servizio di Tv7 Verona Network