Emissioni odorifiche. Cristina Guarda presenta un progetto di legge»

La consigliera regionale di Europa Verde, stanca di un disinteresse della Regione, presenta una proposta per trovare una soluzione in Veneto ai cattivi odori, soprattutto di natura industriale.

Cristina Guarda - Europa Verde Veneto Car fluff Sorgà
Cristina Guarda, consigliera regionale del Veneto per Europa Verde

«Da troppo tempo la nostra regione attende una soluzione ai cattivi odori, soprattutto di natura industriale, che affliggono ampie zone del territorio». La consigliera regionale di Europa Verde Cristina Guarda, interviene sulla annosa questione delle emissioni odorifiche.

«Ho presentato un Progetto di Legge perché siamo stanchi dell’inattività: la Regione è già autonoma nel risolvere questioni sociali, sanitari e ambientali come questa, considerando che migliaia di cittadini vivono da decenni in zone dove le emissioni odorigene sono a livelli insopportabili. Come nel caso dell’acido solfidrico, piaga dell’ovest vicentino. – prosegue Guarda – Per non parlare dei sindaci che, sollecitati dai cittadini, si trovano le mani legate in assenza di una legislazione nazionale o regionale. Nell’attesa che lo Stato intervenga fissando limiti stringenti, è bene che la Regione recuperi lo spazio che gli è attribuito e intervenga sul tema. A beneficio dei cittadini preoccupati per la loro salute e per l’ambiente».

«E’ una questione rinviata da troppo tempo. Infatti già durante la precedente legislatura furono presentate due proposte di legge in materia, mai discusse in aula, a riprova della scarsa attenzione verso una questione che coinvolge ampie zone del Veneto. – conclude la consigliera dei Verdi – Vogliamo ripartire, con la nuova legislatura? Bene, ecco la nuova proposta di legge che ho depositato come Europa Verde. Le regioni possono intervenire con una disciplina propria per regolare le emissioni di odori. La soluzione sta nel riconoscere l’effettivo dato dell’impatto odorigeno, permettendone di adottare misure di contenimento e di risalire alla fonte di emissione».