Droga, colpo grosso a Caprino Veronese

Sono stati pedinati dai carabinieri di Caprino, che li hanno trovati in possesso di un ingente quantitativo di droga

 

Quello del 6 novembre era stato un colpo grosso per i carabinieri di Caprino Veronese. In quella giornata i militari dell’arma avevano notato dei movimenti sospetti nella zona industriale di Volargne di Dolcè.

Due uomini erano stati visti infatti mentre si scambiavano qualcosa. Parte così l’inseguimento di una delle due auto, una Bmw serie 3, guidata dal veronese Lucio Dragoni.

I sospetti vengono confermati dalla fuga del 38enne, che provando a seminare le volanti, si schianta contro uno scuolabus.

All’interno dell’auto gli agenti trovano 500 grammi di hashish e 27 di cocaina.

Una quantità esigua, se si considera poi quello che è stato trovato nella sua abitazione: altri 122grami di hashish e 239 di marijuana.

Una decina di giorni dopo viene messo a segno un altro colpo, nei confronti dell’altro uomo, un 35enne marocchino, che in seguito ad alcuni pedinamenti è stato arrestato mentre si trovava in un capannone industriale ad Arbizzano di Negrar, in compagnia del 54enne Lino Brunelli, anche lui veronese. Qui il bottino è ben più consistente: 1,5 kg di cocaina, quasi 7 di hashish e qualche grammo di marijuana.

Un ammontare che va a sommarsi anche al chilo di cocaina purissima trovata in un garage utilizzato dal marocchino. Su questo pacco sigillato gli inquirenti stanno investigando su quel logo del tulipano impresso sopra e mai emerso prima.

GUARDA IL SERVIZIO DI TV7 VERONA NETWORK