Donato alla Fondazione Thun un arazzo realizzato dagli ospiti del Cerris-Marzana

L’arazzo multicolore è ora esposto a Bolzano, nella sede della Fondazione. A realizzarlo sono stati gli ospiti del Centro di accoglienza residenziale ad elevata integrazione socio-sanitaria dell’ULSS 9, insieme all’educatore Vincenzo Callea.

cerris marzana arazzo fondazione thun
L'arazzo donato dal Cerris-Marzana a Fondazione Thun

Dal 2018 è attivo all’UOSD Cerris-Marzana, Centro di accoglienza residenziale a elevata integrazione socio-sanitaria dell’Azienda ULSS 9 Scaligera, il laboratorio di ceramico-terapia di Fondazione Lene Thun di Bolzano, con l’obiettivo da parte del Centro di implementare l’offerta educativa e riabilitativa rivolta agli ospiti con disabilità cognitive e motorie. L’attività è offerta alla struttura da Fondazione Lene Thun in maniera gratuita e continuativa, a cadenza settimanale, e viene condotta da una ceramista-arte terapeuta e da un gruppo di volontari della Fondazione appositamente formati, affiancati dall’equipe interna del Centro. 

LEGGI LE ULTIME NEWS

Nei giorni scorsi, durante una visita istituzionale, l’Unità Operativa Cerris-Marzana ha donato a Peter Thun e Simon Thun, rispettivamente Presidente e Vicepresidente di Thun Spa entrambi membri del CDA della Fondazione Lene Thun, un arazzo di stoffa che intende omaggiare la figura impavida della contessa Lene Thun. L’arazzo multicolore è ora esposto a Bolzano, nella sede della Fondazione. A realizzarlo sono stati gli ospiti del Centro di accoglienza residenziale ad elevata integrazione socio-sanitaria  dell’ULSS 9, insieme all’educatore Vincenzo Callea

In occasione della visita istituzionale, la Dott.ssa Ebba Carmela Buffone, Responsabile UOSD Cerris-Marzana di Verona, ha consegnato inoltre la pubblicazione scientifica “Esperienze di ceramico-terapia per migliore la qualità di vita in ospiti di RSA”, presentata al primo Congresso Nazionale degli Educatori Professionali a Roma. 

LEGGI ANCHE: Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere

«Attraverso la modellazione dell’argilla – spiega la Dott.ssa Buffone – si stimolano le abilità prassico motorie e cognitive dei nostri ospiti che riproducono oggetti e decori utilizzando la tecnica della forgiatura a mano, memorizzando le sequenze di lavoro. La ceramico-terapia, inoltre, favorisce l’espressione di sé attraverso modalità di comunicazione non verbali e offre una stimolazione tattile intensa e potente. Ognuno mette in campo le proprie risorse e, attraverso il “fare assieme”, si dà vita a opere ceramiche collettive, esposte poi al Cerris-Marzana. Lavorando in gruppo, inoltre, si favoriscono esperienze di socializzazione, collaborazione e coesione. Ringrazio a nome di tutta l’Azienda ULSS 9 Scaligera la Fondazione Lene Thun e il presidente di Thun Spa per il sostegno a un’attività che abbiamo visto, nel corso degli anni, migliorare l’umore dei nostri ospiti. Modellare la ceramica ha aumentato la loro autostima, favorendo la socializzazione e l’acquisizione di diverse abilità».

«Ringrazio di cuore l’UOSD Cerris-Marzana per il bellissimo dono in onore di mia madre Lene Thun.
 Quando abbiamo fondato nel 2006 la Fondazione, ci siamo ispirati proprio ai suoi valori e alla filosofia di vita. Con la stessa passione che Lene Thun metteva nelle sue opere, vogliamo ispirare i sogni delle persone che soffrono, forti della convinzione che modellare l’argilla sia fonte di benessere e gioia», afferma Peter Thun, fondatore di Fondazione Lene Thun.

LEGGI ANCHE: Idee per l’ex Seminario di San Massimo: svelate le tre proposte vincitrici