Degrado e incuria a Verona, opposizioni all’attacco di Tommasi

Sporcizia nei quartieri e generale incuria: questi i temi sollevati dagli esponenti dell’opposizione Padovani di Fratelli d’Italia e dai tosiani Bisinella e Lella.

degrado incuria verona borgo milano
Alcune immagini da Borgo Milano diffuse dall'onorevole Marco Padovani

Il tema che torna: sporcizia e incuria a Verona

Gli esponenti dell’opposizione all’amministrazione Tommasi tornano nuovamente a portare l’attenzione su situazioni di incuria a Verona. «Stamattina Borgo Milano si è svegliato in questo stato» commenta il deputato di Fratelli d’Italia Marco Padovani, ex assessore a strade e giardini, riferendosi ad alcune immagini della città, fra cui quelle della copertina di questo articolo.

«Dopo essersi fatti portavoce di nuovi cambiamenti, perché a detta loro prima le cose non funzionavano, questi sono i risultati dell’amministrazione Tommasi».

LEGGI ANCHE: Vinitaly, pronti all’impatto? A Verona 12mila posti auto, navette e agenti “in prestito”

Continua poi l’onorevole Padovani: «Invito l’assessore Benini, che recentemente ha sbandierato l’istituzione di una “task force” per lo sfalcio dei marciapiedi, a far conoscere la città al nuovo amministratore unico di Amia. Trasformandosi così in un Cicerone moderno e organizzando “ad hoc” un tour della città. Il mio consiglio è partire da Borgo Milano così avrebbe anche l’occasione di mostrargli come funzionano bene le iniziative della Giunta Tommasi».

Marco Padovani
Marco Padovani

Continua la critica ironica di Padovani: «Una volta terminato il tour, il dott. Guarda converrà di poter stare tranquillamente a Vicenza, sua città d’origine, perché qua “va tutto benissimo” sia nella gestione dei rifiuti che del verde pubblico».

Parla di «Una città allo sbando, senza guida» la Lista Fare con la capogruppo in Consiglio comunale Patrizia Bisinella insieme al collega Antonio Lella della lista Tosi e ai consiglieri di circoscrizione della Lista Fare, mostrando in una conferenza stampa tenutasi a Palazzo Barbieri altre foto.

degrado verona
Una situazione di incuria a Verona, foto diffusa dalla consigliera di Fare Patrizia Bisinella

Raccontano infatti i presenti, oltre a Bisinella e Lella, il coordinatore cittadino Simone Meneghelli e i consiglieri Marino Pasqualini e Claudio Longega (terza circoscrizione), Federica Marchiotto (quinta circoscrizione) e Simonetta Cavedini (settima circoscrizione):
«Ormai le segnalazioni di degrado e sporcizia riguardano tutta la città, dal centro storico a tutti i quartieri, cassonetti putridi o rotti, topi che fanno il nido nelle aiuole, sporcizia, erbacce alte e maleodoranti lungo le strade, sui marciapiedi, negli spartitraffico, veri e propri arbusti ormai. E questa sarebbe la città patrimonio dell’Unesco? I cittadini arrabbiati chiamano Amia e le circoscrizioni, ma nessuno interviene».

LEGGI ANCHE: Nuovi biglietti sui bus ATV a Verona, si valida solo con QR Code

Continuano Bisinella e Lella: «I problemi dell’azienda non possono ricadere sui cittadini. Il decoro urbano, la salute pubblica, l’ordine, sono una precisa responsabilità del Sindaco e Tommasi non puó continuare ad essere assente e deve intervenire».

«I cittadini sono preoccupati – incalzano Longega, Pasqualini, Marchiotto e Cavedini – perché a fronte di un aumento della tari del 4,6%, ci troviamo nel totale degrado e nell’assenza di minime regole di pulizia con rifiuti abbandonati ovunque per settimane. L’aumento di topi e roditori – concludono – rappresenta un grosso problema per tutti e un rischio igienico sanitario da non sottovalutare. Non è accettabile per Verona uno stato di abbandono simile».

LEGGI ANCHE: Vinitaly and the City, 120 appuntamenti per il fuori salone

Patrizia Bisinella
Patrizia Bisinella

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM