Danni e imbrattamenti, denunciati a Verona due attivisti no vax

I due si sono distinti per aver veicolato un numero rilevante di articoli, immagini, commenti e interazioni di propaganda contro le misure adottate dal Governo per contrastare il contagio da Covid-19. Inoltre i due, insieme a un gruppo di seguaci, auspicavano azioni di danneggiamento e imbrattamento di sedi istituzionali.

DIGOS - Denuncia attivisti no vax

Da tempo i poliziotti della Questura di Verona stavano monitorando le pubblicazioni condivise sui canali social dove è stata riversata una copiosa narrativa contro le misure di contenimento del Covid-19 adottate dai governi Conte, Draghi e Meloni. Dopo una lunga attività d’indagine, di natura prevalentemente informatica, nei giorni scorsi la Digos di Verona ha eseguito perquisizioni a carico di un uomo e una donna – rispettivamente di 58 e 37 anni – entrambi residenti nella provincia scaligera.

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

Quest’ultimi si sono distinti per aver veicolato un numero rilevante di articoli, immagini, commenti e interazioni di propaganda del noto sodalizio NO VAX “Vi_Vi” al fine di esaltare e promuovere le azioni di danneggiamento e imbrattamento effettuate dai “guerrieri” su tutto il territorio nazionale. Entrambi gli attivisti – denunciati per il reato di istigazione a delinquere – hanno inoltre posto in essere una costante attività di proselitismo finalizzata al reperimento di aspiranti individui da attrarre all’interno del cennato gruppo.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Nelle condivisioni rilevate, gli utenti auspicavano una sempre maggiore capillarità di azioni di danneggiamento e imbrattamento di sedi istituzionali (prevalentemente sedi di partito, sindacati, scuole, aziende sanitarie) ritenute “simboli del potere” dello Stato italiano che, secondo una logica complottista, sarebbe costantemente manovrato da un “gruppo” di potenti il cui fine ultimo è quello di imporre graduali misure legislative volte a ridurre le libertà dei cittadini, imponendo di fatto un controllo sociale “totalizzante”.

Nell’ambito delle operazioni – supportate anche da personale della Sezione Operativa per la Sicurezza Cibernetica Polizia Postale e delle Comunicazioni di Verona – sono stati sequestrati indumenti riproducenti il noto simbolo del sodalizio “Vi_Vi”, materiale propagandistico del medesimo gruppo (adesivi, spille, volantini di diverse dimensioni, palloncini gonfiabili, poster) e un grosso pennarello con vernice rossa all’interno, usualmente utilizzato per le azioni di imbrattamento/danneggiamento. 

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato