Dalla Regione 500mila euro per la Protezione Civile del Veronese

L’assessore veneto alla Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin, ha annunciato il nuovo stanziamento di oltre 500mila euro che interesserà la provincia di Verona. I fondi saranno destinati alla ristrutturazione delle sedi della protezione civile del territorio, oltre all’acquisto di dispositivi di protezione individuale, divise e strumentazione varia.

Regione Veneto Gianpaolo Bottacin
Gianpaolo Bottacin, assessore all'Ambiente e promotore della norma legislativa
New call-to-action

«Mai abbassare la guardia soprattutto quando protagonista è la Protezione Civile. Un sistema che, negli anni, si è affinato, preparato e potenziato. Protezione Civile significa azione ma anche prevenzione, che va garantita grazie alla formazione dei volontari e ad una dotazione tecnologicamente moderna e al passo con i tempi. La Regione del Veneto ha adottato questo spirito che si può toccare con mano ogni qualvolta viene rafforzata l’associazione di una provincia veneta. Questa volta l’attenzione è rivolta alla provincia di Verona con un contributo di circa 500mila euro».    

Con soddisfazione l’assessore veneto alla Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin, ha annunciato il nuovo stanziamento che interesserà enti e associazioni di settore della provincia scaligera per le sedi, per l’aggiornamento dei Piani comunali, per l’acquisto di DPI e di attrezzature, strumentazione, divise, ecc. 

LEGGI LE ULTIME NEWS

La ripartizione dei fondi per la ristrutturazione delle sedi

Per la realizzazione e la ristrutturazione delle sedi sono previsti 300mila euro che premiano tre beneficiari:

  • Comune di San Bonifacio (100mila euro),
  • Comune di Pressana (100mila euro),
  • Comune di Lazise (100mila euro).

I fondi per il potenziamento delle attrezzatura di volontariato

Invece per il potenziamento delle attrezzature di volontariato sono stati erogati circa 144mila euro a favore di:

  • Sommozzatori Villafranca (ottomila euro),
  • 47 Nucleo ODV Verona (35mila euro),
  • ANA Verona (40mila euro),
  • GRP PC Dolcè (3.400 euro),
  • Comune di Fumane (40mila euro), 
  • Comune di Mozzecane (17mila).

Gli altri fondi

35mila euro invece sono destinati per l’acquisto di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) a favore dei Comuni e delle associazioni di volontari che avevano maggiormente operato come supporto logistico durante l’emergenza COVID-19. Per il territorio scaligero sono stati premiati ben 14 beneficiari:

  • ODV PC e ambientale Verona,
  • Associazione SOS Sona,
  • Associazione Reparto Volo Emergenze,
  • Gruppo PC e AIB Tregnago,
  • ANC Sant’Ambrogio,
  • Gruppo PC AIB Selva di Progno,
  • Squadra Volontari Castelnuovo del Garda,
  • AIS Sezione Baldo Garda,
  • Associazione Volontariato Vigasio,
  • Gruppo S. Pietro in Cariano,
  • Comune di S. Bonifacio,
  • Comune di Pressana,
  • Comune di Belfiore,
  • Comune di Caprino Veronese.

Infine, è stato previsto un contributo anche per l’aggiornamento e la realizzazione di due Piani comunali di Protezione Civile per un valore pari a 19.500 euro che riguardano:

  • l’Unione dei Comuni Adige Guà (7.500 euro),
  • il Comune di Lavagno (7.500 euro),
  • il Comune di Brentino Belluno (4.500 euro).