CSVnet: vicepresidenza alla veronese Chiara Tommasini

Chiara Tommasini, presidente Csv Verona merita fiducia
Chiara Tommasini, presidente Csv Verona

Classe 1975, volontaria della protezione civile da oltre vent’anni e presidente del Centro Servizi per il Volontariato scaligero dal 2013, Chiara Tommasini è stata eletta a Roma vicepresidente di CSVnet, l’Associazione Nazionale che raggruppa i 65 CSV italiani.

Un percorso esemplare quello che ha portato la veronese Chiara Tommasini a essere eletta vicepresidente di CSVnet (Centro servizi per il volontariato), l’Associazione nazionale che raggruppa gli oltre 60 CSV attivi in Italia.

Classe ’75 e attiva da vent’anni nel settore del soccorso e della protezione civile, Chiara Tommasini è presidente del CSV veronese dal 2013. La neo-eletta vicepresidente, laureata in Economia e commercio, si destreggia talmente bene nel campo del volontariato che, dallo scorso anno, ricopre la stessa carica anche per l’associazione Uni.ver.so (Unione veronese soccorso) coordinamento provinciale delle associazioni di soccorso della provincia.

Un modello per molte persone, quello della Tommasini, che è stato riconosciuto anche a Roma, dove nel corso dell’assemblea nazionale di tutti i soci CSV, i 130 delegati hanno eletto i nuovi organi sociali che governeranno l’associazione nei prossimi tre anni. Ne è risultato un nuovo consiglio presieduto da Stefano Tabò, confermato presidente, e da Luciano Squillaci e Chiara Tommasini, in qualità di vicepresidenti.

A Verona e provincia c’è un tessuto di oltre 400 Organizzazioni di volontariato e tante altre realtà del non profit. “Invitiamo chiunque – fa appello Tommasini – ad appassionarsi a una “buona causa”, dedicandole tempo e i propri talenti: prendete contatto con le associazioni, attivatevi per qualcosa in cui credete e se non avete tempo ci sono tanti modi per essere utili, anche con una donazione, perché il volontariato è un respiro di civiltà”.

Per chi vuole mettersi in gioco e saperne di più, campagna DAI!