Tentato furto a Bonavigo, un arresto

Durante un pattugliamento la notte scorsa i carabinieri della Stazione di Minerbe si sono visti sfrecciare davanti un’auto di grossa cilindrata. Inseguita e raggiunta la vettura, gli occupanti hanno chiesto alle forze dell’ordine di seguirli verso l’abitazione della madre di uno di loro. Giunti presso un’abitazione in Bonavigo, i militari hanno sorpreso un uomo che, colto di sorpresa dall’arrivo delle vetture, cercava di nascondersi vicino ad una siepe del giardino.

L’uomo, cittadino del Gambia classe 1978 e residente a Vighizzolo d’Este con regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari, è stato immediatamente bloccato e perquisito. In tasca i carabinieri hanno inoltre trovato 6,5 grammi di marijuana. Sulle ragioni della sua presenza in quell’abitazione, ha iniziato a farfugliare scuse inverosimili, smentite dagli evidenti segni di effrazione rinvenuti sulla porta d’ingresso della casa.

Per tali motivi l’uomo è stato dichiarato in arresto, segnalato alla Prefettura per possesso ad uso personale di sostanze stupefacenti e portato presso la Compagnia di Legnago per gli accertamenti di rito. Nella mattina di oggi è stato infine accompagnato in Tribunale per il giudizio per direttissima. Il giudice Claudio Prota ha convalidato l’arresto e condannato l’uomo che ha patteggiato una pena di 10 mesi e 20 giorni e 300 euro di multa per poi tornare in libertà.