Parona, al via i lavori di svuotamento di 800 caditoie e tombini

Avviati questa mattina in seconda circoscrizione i lavori di pulizia straordinaria delle quasi 800 caditoie e tombini, dopo le eccezionali piogge e temporali che avevano colpito lo scorso settembre le zone di Avesa, Quinzano e sopratutto Parona, provocando gravi disagi a causa degli allagamenti, frane e smottamenti. L’amministrazione scaligera ha voluto provvedere ad una radicale pulizia delle caditoie per garantire la massima funzionalità al sistema di scolo.

Il presidente di Amia Bruno Tacchella si è recato in Piazza del Porto a Parona insieme all’assessore per le Strade e Giardini Marco Padovani, al presidente della 2° circoscrizione Elisa Dalle Pezze e al coordinatore della 2° circoscrizione Strade Giardini e Arredo Urbano Massimiliano Barbagallo.

“Dopo essere intervenuti in ottava circoscrizione, proseguiamo l’operazione di ottimizzazione del sistema di scolo a Parona, altra zona che ad ogni nubifragio deve fronteggiare danni e disservizi – ha puntualizzato l’assessore Padovani. “Si tratta di un intervento corposo che sono certo darà una risposta concreta ai problemi delle strade allagate per la pioggia, anche se ricordo che Verona deve fare i conti con una rete di tubature degli anni Trenta, solo in parte sostituita nei decenni successivi. Siamo consapevoli che sarebbe necessario intervenire su tutto il territorio, cominciamo e diamo priorità alle zone più critiche.”

Anche il presidente Tacchella, dopo aver esposto il piano degli interventi, ha voluto ricordare che “Amia gestisce esclusivamente la pulizia e la manutenzione ordinaria di caditoie e tombini, eventuali criticità, problemi o sottodimensionamenti strutturali non son ovviamente di nostra competenza.”

Il piano di interventi è stato concordato tra Palazzo Barbieri, rappresentanti del secondo parlamentino, Acque Veronesi e Amia, per un’azione a 360 gradi sulle strade. La previsione è di svuotare le caditoie da fogliame, carte e detriti che periodicamente scivolano nei tombini, ostruendo il deflusso delle acque pluvie. I lavori proseguiranno da qui ad una settimana nelle altre frazioni con l’ausilio di tecnici specializzati e mezzi di nuova generazione, mentre serviranno alcuni mesi per coprire tutto il territorio comunale.