La Valpantena saluta Rino Ferrari

Oggi alle 15.00 nella chiesa parrocchiale di Lugo la comunità della Valpantena si stringe per l’ultimo saluto all’imprenditore Rino Ferrari, 68 anni, fondatore assieme alla famiglia della Veneta Marmi, già presidente del Consorzio Marmisti e vicepresidente dell’ex Cassa Rurale di Cadidavid, oggi Banca di Verona.

Lascia un vuoto enorme tra coloro che l’hanno conosciuto e che gli hanno voluto bene, sia come uomo che come imprenditore. Lunedì scorso Rino Ferrari si è addormentato raggiungendo la casa del Signore dopo una malattia che l’aveva colpito due anni fa e che nelle ultime settimane è peggiorata in modo irreversibile. Malattia che l’aveva costretto ad allontanarsi dall’azienda che fondò assieme al padre Domenico e al fratello Luigino negli anni Sessanta, la Veneta Marmi, e che lo stesso Ferrari ha consegnato nel 2016 nelle mani dei figli Chiara e Matteo.

In molti lo ricordano come un uomo generoso, altruista, già presidente dell’associazione cattolica del paese, ma soprattutto un uomo e un imprenditore aperto al dialogo, con una grande capacità di creare relazioni sul territorio in cui operava e in cui viveva.

Oltre ai due figli, Rino Ferrari lascia la moglie Renza e gli adorati nipoti Carolina, Giulia, Tommaso e Gianmarco.