La mafia dei rifiuti tocca anche Verona

37mila tonnellate di rifiuti smaltiti senza minimamente guardare a quanto prescrive la legge. L’indagine nazionale tocca anche la nostra città.

L’indagine “Velenum” della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano vede tra i luoghi segnati in rosso anche Verona. Quasi il 40 per cento di questi rifiuti indiffereziati urbani viene dalla Campania. Tra i capannoni affittati dagli indagati per lo smaltimento illegale, oltre a quello di via Chiasserini a Milano – da cui è partita l’indagine – ce ne sono altri a Venezia, Lodi e Verona (a San Massimo).

Nel novero dei destinatari dei provvedimenti giudiziari, ci sono imprenditori, amministratori e gestori di società operanti nel settore dello stoccaggio e smaltimento rifiuti, intermediari e responsabili dei trasporti.