Inferno in A22, il bilancio dell’incidente

Lamiere e auto distrutte ovunque per il maxi-tamponamento sull’A22 del Brennero, tra lo svincolo della A4 e Nogarole Rocca. 100 i mezzi coinvolti, in entrambe le direzioni. Una persona è deceduta sul posto. Secondo i dati ufficiali dell’Azienda Ospedaliere di Verona sono 35 i feriti di cui 3 in condizioni gravissime, 10 con lesioni gravi e 21 lievi.

La scarsa visibilità oggi verso le 9, sull’A22, ha causato un tamponamento a catena. I soccorsi sono stati gestiti, come riferisce l’Azienda ospedaliera, con l’applicazione del piano di emergenza in caso di massiccio afflusso. Alle 13.30 tutti i feriti sono stati presi in carico dalle strutture ospedaliere. I feriti a seconda della gravità delle condizioni sono stati smistati negli ospedali di Borgo Trento e Borgo Roma, a Verona, San Bonifacio, Peschiera e Mantova, Negrar. I casi più critici sono stati convogliati al pronto soccorso di Borgo Trento.

La serie di tamponamenti ha provocato disagi in direzione sud, sempre sulla A22, ma anche lungo la A4 che collega Venezia a Milano.

Ecco dove sono stati trasportati i pazienti: 

All’Ospedale Magalini di Villafranca 6 pazienti (1 codice Giallo e 5 codice Verde).

All’Ospedale Fracastoro di San Bonifacio 5 pazienti (codice Verde).

All’Ospedale Pederzoli di Peschiera 7 pazienti (3 codice Giallo e 4 codice Verde).

All’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar 3 pazienti (1 codice Giallo e 2 codici Verdi);

All’Ospedale Carlo Poma a Mantova 3 pazienti (1 codice Giallo e 2 codice Verde).