Incidente aereo in Gallura: aperta un’inchiesta

Sono al vaglio della Procura di Tempio le possibili cause che hanno provocato l’incidente aereo in cui hanno perso la vita Franco Castagna e Marica Magrini

Sarà un’inchiesta della Procura di Tempio ad accertare le cause dell’incidente aereo avvenuto sabato mattina a Trinità d’Agultu, in Gallura, in cui hanno perso la vita gli amici e imprenditori veronesi Franco Castagna, di 62 anni, e Marica Magrini, di 55 anni.

I due, piloti esperti iscritti al club di volo di Verona, erano partiti poche ore prima dell’incidente da Isola Rizza, assieme ad altri due amici che viaggiavano a bordo di un altro ultraleggero, per trascorrere un weekend in Sardegna.

Improvvisamente, come hanno raccontato alcuni testimoni, tra cui Walter Rossini, amico delle vittime che viaggiava sull’altro aereo partito da Verona, il Corvus Rg 60 pilotato da Franco Castagna ha iniziato ad avvitarsi su se stesso a circa 100 metri dall’aviosuperficie di Costa Paradiso per poi schiantarsi al suolo incendiandosi.

aereo

Non si sa ancora se si sia trattato di un guasto meccanico, di un errore umano o di un malore del pilota. Il velivolo è sprovvisto di scatola nera e quindi fondamentale sarà ricostruire gli ultimi contatti radio fra la torre di controllo di Olbia e il pilota prima dell’atterraggio. In base alle prime informazioni, Castagna non avrebbe lanciato alcuna richiesta di aiuto. L’ultima comunicazione fra i controllori di volo l’ultraleggero sarebbe stata la richiesta di autorizzazione all’atterraggio.

Il magistrato, dopo aver fatto eseguire i prelievi per il DNA, ha disposto la restituzione immediata delle salme ai congiunti che erano arrivati in Sardegna già nella giornata di ieri.

Guarda il servizio su TV7 Verona Network