Cittadino afghano arrestato per droga a Porta Nuova

Polizia-ferroviaria-Polfer

Un anno di reclusione, 3000 euro di multa e confisca dei contanti in suo possesso.

Questa la pena inflitta a Razdie Abdul Wahab, cittadino Afghano di 29 anni regolare in Italia. L’uomo era stato fermato nella giornata di venerdì 7 luglio da una pattuglia della Polizia Ferroviaria del Settore Operativo di Verona Porta Nuova, durante il servizio di vigilanza all’interno della stazione. Servizio, quest’ultimo, incrementato di recente anche per una più efficace repressione del traffico di sostanze stupefacenti.

Durante il controllo degli agenti, l’uomo afghano manifestava eccessivi segni di nervosismo e insofferenza e per tale ragione é stato accompagnato presso gli Uffici della Polfer e sottoposto a perquisizione personale dalla quale sono spuntati fuori un involucro in cellophane termosaldato contenente 10 grammi di cocaina occultati negli slip dell’uomo e 1 grammo di hashish nascosto nell’orecchio destro.

Il tutto è stato sequestrato insieme alla somma di 450 in contanti, presunto ricavo dell’attività di spaccio. Lo straniero è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente a cui è seguita la condanna. Inoltre, allo stesso è stato imposto l’obbligo di dimora a Bolzano.