Arrestati 4 operatori delle celle mortuarie di Borgo Roma

policlinico-borgo-roma test coronavirus decessi a verona
Il policlinico di Borgo Roma

Secondo gli inquirenti si tratta di una vera e propria organizzazione che chiedeva alle imprese funebri

Concussione ed associazione per delinquere. Sono questi i capi d’accusa nei confronti di quattro operatori in servizio presso le celle mortuarie dell’Ospedale di Borgo Roma che sono stati tratti in arresto oggi nell’ambito di una indagine condotta dalla procura scaligera.

L’operazione ha riguardato le quattro persone che erano in servizio quest’oggi, ma nei prossimi giorni potrebbero esserci altri provvedimenti relativi a personale che non era presente sul posto di lavoro.

Secondo quanto si è appreso, le indagini, coordinate dal Pm Valeria Ardito, avrebbero portato alla scoperta di una sorta di organizzazione tra gli operatori delle celle mortuarie che di fatto costringeva le imprese funebri a versare denaro in cambio della garanzia che le salme sarebbero state tenute e preparate in modo adeguato nel periodo prima del rito funebre.