Covid, Zaia: «Probabile settimana di Natale in zona gialla» per il Veneto

Il presidente della Regione Luca Zaia fa i punto sui contagi Covid. La prossima settimana il Veneto dovrebbe restare in zona bianca, ma nella settimana di Natale si prevede quella gialla.

Luca Zaia
Luca Zaia

Pronti gli ospedali Covid, a Natale rischio zona gialla in Veneto

Alla luce dei dati dei contagi Covid in crescita in Veneto, il presidente Luca Zaia ha annunciato oggi: «Ci stiamo attivando per l’apertura dei Covid hospital».

Fra questi, come già accaduto nel corso delle precedenti ondate, c’è anche l’ospedale Magalini di Villafranca. «Non saranno tutti attivati, ma a Treviso sarà attivato probabilmente il 9, per Schiavonia credo si tratti di ore» ha detto oggi il presidente.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Per la gestione del contagio, «per la prossima settimana dovremmo essere ancora in zona bianca» ha detto Zaia. L’unico dato che ancora permette la zona di rischio più bassa è quello dell’ospedalizzazione in area non critica. Le terapie intensive sono invece già occupate al 13%, mentre la soglia limite sarebbe al 10%.

«Con i dati che abbiamo oggi però, probabilmente, la settimana successiva, quella di Natale, sarà in giallo» ha detto Zaia.

La conferenza stampa di Zaia

LEGGI ANCHE: Dove fare i tamponi a Verona e provincia. La tabella aggiornata

Fasi di rischio dell’occupazione degli ospedali in Veneto

In Veneto, per quanto riguarda la gestione degli ospedali in relazione all’andamento dei ricoveri, sono individuati cinque indicatori di rischio (verde, azzurro, giallo, arancione e rosso) parametrati sul numero di posti letto Covid occupati in terapia intensiva e sulla relativa necessità di garantire posti letto sufficienti per l’erogazione di tutti gli altri servizi ospedalieri.

La fase verde si identifica con una situazione che veda occupati da 0 a 50 posti letto Covid e prevede l’utilizzo di posti letto isolati in ospedali hub & spoke; viene preservata l’attività ordinaria in modo diffuso in ogni ospedale; non viene sospesa alcuna attività, salvo un eventuale ritardo nelle prestazioni programmate.

La fase azzurra si ha quando i posti letto di terapia intensiva Covid occupati sono da 51 a 150. In questo caso, si prevede l’attivazione di posti letto aggiuntivi negli ospedali hub & spoke e l’attivazione parziale di posti di terapia intensiva del Centro Regionale Urgenza Emergenza; si preserva l’attività ordinaria negli ospedali hub & spoke; si riorganizza l’attività ordinaria con eventuale sospensione (o ritardo) dell’attività programmata.

La fase gialla scatta da 151 a 250 posti letto di terapia intensiva occupati e prevede l’attivazione dei Covid-Hospital; quella progressiva dei posti di terapia intensiva del Centro Regionale Emergenza Urgenza e quella di posti aggiuntivi ordinari e subintensivi. Viene preservata l’attività ordinaria negli ospedali hub & spoke e l’attività ordinaria e di emergenza negli hub. E’ prevista una riduzione dell’attività ordinaria nei Covid hospital con trasferimento delle attività d’urgenza.

La fase arancione scatta tra 251 e 400 posti letto di terapia intensiva Covid occupati e prevede anche l’utilizzo di posti letto ricavabili da sale operatorie nei Covid Hospital. In questo caso l’attività ordinaria è preservata solo negli ospedali hub, mentre scatta una parziale riduzione di attività negli ospedali spoke.

Infine la fase più critica, quella rossa, che scatta al di sopra dei 400 posti di terapia intensiva occupati da pazienti Covid. In questo caso si utilizzeranno posti letto, anche a coorte, negli hub. L’attività di emergenza sarà preservata negli ospedali hub, mentre sarà sospesa anche negli hub l’attività ordinaria.

Lo stesso meccanismo si utilizza per la valutazione della situazione in area non critica.

La fase verde si configura quando sono occupati da 0 a 300 posti letto; la fase azzurra da 301 a 900 posti occupati; la fase gialla da 901 a 1.500 letti occupati; la fase arancione da 1.501 a 2.400 posti occupati; la fase rossa oltre i 2.400 letti occupati.

L’attivazione delle singole fasi avviene a livello locale (Ulss).

I “Covid Hospital” che potrebbero essere progressivamente attivati in caso di necessità, sono gli ospedali di Belluno, Vittorio Veneto, Dolo, Jesolo, Trecenta, Schiavonia, Santorso, Villafranca e Borgo Roma a Verona.

LEGGI ANCHE: Castelnuovo del Garda avrà il suo casello autostradale sull’A4

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM