Covid, Zaia: «Non è finito tutto, servono il buonsenso e l’impegno»

Zaia sui dati dei contagi Covid di nuovo in aumento: «Non è finito tutto, ma ora servono il buonsenso e l'impegno, pensando ai fragili e a come metterli in sicurezza».

Luca Zaia covid veneto Bottacin Lanzarin
Luca Zaia, al centro, con gli assessori Bottacin e Lanzarin

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha fatto il punto sulla situazione Covid in Veneto. Per quanto riguarda i contagi ha ribadito che «l’impennata c’è».

«Il 31 marzo termina lo stato di emergenza per la pandemia, e inizia il momento della responsabilità individuale, della fiducia nei confronti dei cittadini» ha ribadito il presidente. «Non dobbiamo abbassare la guardia: il passaggio alla fase endemica lo dobbiamo fare e lo si fa chiedendo senso di comunità. Non è finito tutto, ma ora servono il buonsenso e l’impegno, pensando ai fragili e a come metterli in sicurezza».

LEGGI ANCHE: Vinitaly, pronti all’impatto? A Verona 12mila posti auto, navette e agenti “in prestito”

LEGGI ANCHE: Nuovi biglietti sui bus ATV a Verona, si valida solo con QR Code

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM