Covid, a Girardi l’attestato di benemerenza di Verona

Ieri il DG dell'Ulss 9 scaligera, Pietro Girardi, ha ricevuto l'attestato di benemerenza da parte del sindaco Sboarina per la disponibilità, professionalità e collaborazione dimostrate durante l'emergenza sanitaria.

In un anno in cui la pandemia ha aperto le porte a ogni genere di difficoltà, Pietro Girardi, direttore generale Ulss 9 Scaligera, è stato l’uomo che ha fatto la differenza. La sua disponibilità, professionalità e spirito di collaborazione hanno reso possibile l’ampia ed articolata regia di intervento a supporto della popolazione.

Un esempio di abnegazione ed instancabile costanza al servizio che, questa mattina in Municipio, il sindaco di Verona Federico Sboarina e il presidente della Provincia Manuel Scalzotto hanno ufficialmente ringraziato, a nome di tutta la comunità veronese, consegnando al direttore Girardi l’attestato di benemerenza della città. Un gesto simbolico, condiviso da tutte le amministrazioni comunali della provincia di Verona, scelto per ringraziare chi, durante l’emergenza sanitaria, con grande spirito di squadra, è divenuto una guida fondamentale per tutti.

Presenti l’assessore ai Servizi sociali Daniela Maellare e i sindaci di Legnago Graziano Lorenzetti e Nogara Flavio Pasini.

«Dal 21 febbraio 2020, data che ha decretato l’inizio dell’emergenza pandemica con il primo decesso in Italia a Vò Euganeo – ha ricordato il sindaco Sboarina – la vita di ognuno di noi è stata completamente stravolta. Ogni amministratore, per la rispettiva parte di competenza, si è trovato ad affrontare complicazioni gestionali mai emerse prima. Una situazione in cui la disponibilità e le oggettive capacità di coordinamento del direttore Girardi hanno fatto la differenza, divenendo punto di riferimento fondamentale nella quotidiana gestione dell’emergenza. Questo riconoscimento vale tutta la nostra gratitudine e quella della città. Nelle situazioni emergenziali, come quella che stiamo ancora vivendo a causa del Covid, Girardi rappresenta il collante fondamentale per tenere unita ed efficiente tutta la squadra d’intervento».

«Un riconoscimento simbolico, che viene da tutti i sindaci della provincia di Verona – ha sottolineato il presidente Scalzotto – per ringraziare ufficialmente la persona che, più di tutti, in questo momento di grande difficoltà, si è spesa, con instancabile abnegazione e disponibilità, nei confronti della comunità. Quello che è stato realizzato per contrastare la pandemia si capirà davvero solo fra alcuni anni. Ora, però, è il tempo di ringraziare chi, con la sua professionale operatività, ha sostenuto questo grande lavoro d’intervento, supportando, quotidianamente, l’azione dei tanti amministratori pubblici coinvolti».

«Ripensando al mio percorso – ha dichiarato direttore Girardi – non posso che ritornare con la memoria alla designazione fatta dal presidente della Regione Zaia che, cinque anni fa, mi collocava a servizio di una delle province più belle del Veneto. Un incarico che, nel tempo, ha reso possibile il perfezionamento di una squadra d’intervento davvero efficace, resa ancora più forte dalle difficoltà attraversate lungo questo complesso periodo pandemico. I problemi quotidiani hanno esaltato le capacità della squadra, sempre coesa nell’unanime volontà di agire al meglio per il bene della comunità».