Controllo del territorio: cinque arresti in 48 ore

Tre pluripregiudicati tra i cinque arresti effettuati nelle scorse 48 ore dai militari di Peschiera del Garda. Tra i condannati anche una donna che si era trasferita in provincia di Varese.

Valeggio sul Mincio, Pescantina, Pastrengo, Bussolengo e Varese. Cinque gli arresti effettuati in due giorni dalla Compagnia dei Carabinieri di Peschiera del Garda grazie all’assiduo controllo del territorio svolto dalle pattuglie.

In particolare a Valeggio sul Mincio gli agenti hanno arrestato un sessantenne di origini salernitane ricercato per furto aggravato a Verona che ora dovrà scontare sei mesi di reclusione. A Pescantina, invece, è stato catturato e condannato a cinque mesi di carcere un pluripregiudicato 27enne di origine marocchina che era ricercato per spaccio di droga a Verona.

Un altro pluripregiudicato di nazionalità marocchina di 49 anni è stato, invece, arrestato dai militari dell’Arma a Pastrengo per essere evaso dagli arresti domiciliari. L’uomo, che era stato condannato per maltrattamenti in famiglia, è stato nuovamente messo agli arresti domiciliari. A Bussolengo la Stazione dei Carabinieri ha arrestato un ventenne del posto per furto aggravato dopo aver rubato un orologio digitale dal negozio Media World di Bussolengo; giudicato con rito direttissimo gli è stato imposto l’obbligo di presentarsi nella caserma dei Carabinieri tre volte alla settimana, in attesa del processo che si terrà a maggio.

Infine, ieri sera, i militari dello stesso reparto hanno fermato nella provincia di Varese una donna pluripregiudicata di 48 anni su cui pendeva un ordine di cattura emesso dal Tribunale di Milano; la donna si era allontanata da Bussolengo per andare a vivere a Saronno, dov’è stata  localizzata dai militari dell’Arma; ora dovrà scontare un anno di carcere per tentata estorsione.