Contrasto alla droga, dieci giorni di controlli straordinari in stazione a Verona

Controlli straordinari a Verona, nella zona della Stazione Porta Nuova, da parte della Polizia Locale. Numerose le persone controllate, oltre un etto e mezzo di droga sequestrata e due arresti.

Verona controlli droga

Due arresti e sei denunce nei 10 giorni di controlli straordinari anti droga a Verona

Ore di controlli e appostamenti in borghese, per decifrare movimenti e spostamenti sospetti. Per più giorni. Un’attività che richiede tempo, risorse e grande professionalità, uno sforzo che alla fine paga.

C’è soddisfazione per l’operazione anti droga straordinaria effettuata dalla Polizia locale di Verona nei giorni scorsi in Stazione. In dieci giorni di attività, dal 21 al 31 marzo, sono stati sequestrati circa 175 grammi di sostanza stupefacente tra hashish, marijuana e eroina. Quasi due etti di droga, per lo più già pronta in dosi, destinata a giovani e studenti. Un’attività che ha visto impegnati 25 tra funzionari e agenti, che si sono alternati con servizi in divisa e in borghese, e le due unità cinofile. Osservato speciale il piazzale della Stazione Porta Nuova e la zona di piazzale XXV aprile, ma anche i bus urbani ed extraurbani e i luoghi di ritrovo di giovani studenti.

LEGGI ANCHE: Paternoster (Lega): «Da studiare le ragioni del disastro annunciato»

Il bilancio vede 2 cittadini extracomunitari, un pakistano e un marocchino, arrestati perché sorpresi a spacciare droga (arresti convalidati e soggetti già rimessi in libertà), 6 le persone denunciate a piede libero, 12 persone sanzionate quali assuntori, 5 persone portate al Comando per l’identificazione. 128 le persone identificate in 10 giorni nei luoghi più frequentati dagli spacciatori.

Nessuna segnalazione dai controlli sulla linea 138, a differenza della linea 144 in cui sono stati controllati diversi soggetti nordafricani, 3 dei quali segnalati alle autorità competenti per deterrenza di sostanza stupefacente a titolo personale e, per uno di questi, ai fini di spaccio.
Ulteriori dosi di hashish sono state rinvenute presso la fermata, sostanza che viene abbandonata dagli spacciatori alla vista degli agenti e che è stata quindi sequestrata a carico di ignoti.

Effettuati inoltre controlli presso il Pak Grill del piazzale XXV Aprile, Tempio Votivo e tutto il resto del Piazzale, Parco giochi di via Campania e Alto S. Nazaro, tutti con esito negativo in ordine al rinvenimento di sostanza stupefacente, ma che ha portato al controllo di altre 53 persone.

LEGGI ANCHE: Tommasi: «Tocca a noi ora amministrare coi fatti»

Verona controlli droga

Il bilancio dell’attività è stato illustrato oggi al Comando dal sindaco Federico Sboarina insieme all’assessore alla Sicurezza Marco Padovani e al Comandante della Polizia locale Luigi Altamura. Presente il responsabile del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia locale Massimo Pennella.

«Quella tra spaccio di droga e giovani è una catena che vogliamo spezzare – ha detto il sindaco – . Perciò i controlli, i blitz e le operazioni antidroga vanno avanti senza sosta, con un’attività che interessa tutto il territorio comunale e che in questi giorni non a caso si è focalizzata sulla stazione. È qui infatti che si concentrano numerosi giovani e soprattutto studenti, sono proprio loro che vogliamo preservare da spacciatori senza scrupoli e che approfittano di ragazzini fragili o disagiati. Il bilancio conferma purtroppo quello che sappiamo, la maggior parte delle dosi è destinata a questa tipologia di assuntori, motivo per il quale abbiamo deciso di rafforzare ulteriormente i controlli. Che proseguiranno anche nei mesi successivi, ma con focus diversi in base agli eventi cittadini, dalle fiere alla stagione turistica».

«Un’attività che non conosce sosta, continua e silenziosa – ha aggiunto Padovani –. Un impegno non da poco per i nostri agenti, che operano sia in borghese che in divisa, per più giorni, al fine di portare a casa il risultato. Operazioni che richiedono precisione oltre che la massima concentrazione e che non sono prive di rischi e pericoli».

«I numeri certificano un lavoro puntiglioso, con controlli anche nei luoghi meno visibili e frequentati – aggiunge Altamura –. Tutte le persone denunciate così come quelle arrestate sono extracomunitarie, le successive verifiche confermano che hanno già cambiato siti o addirittura città, vuol dire che il messaggio funziona. Un appello ai genitori, prestino attenzione ai figli se escono con denaro a disposizione di cui non sanno dimostrare la necessità».

LEGGI ANCHE: Damiano Tommasi è il sindaco di Verona

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv