Conte è salito al Quirinale e si è dimesso

Avvio consultazioni difficile prima di mercoledì pomeriggio. Pd, M5S e Leu ribadiscono il proprio sostegno al presidente del Consiglio.

Giornata campale oggi per il premier Conte che si è dimesso dall’incarico nella speranza di dare vita a un Governo “Conte Ter” con un nuovo gruppo di “costruttori”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha avviato la crisi con un comunicato e ha quindi aperto le consultazioni, che comunque non dovrebbero partire prima di mercoledì.

Il Pd, il M5s, Leu hanno garantito a Conte che gli faranno da scudo. Ieri sera, da Italia Viva hanno fatto sapere che «se Conte non pone veti su Iv, la delegazione Iv non porrà veti sul suo nome».

Le consultazioni con i gruppi parlamentari di maggioranza e opposizione, che non dovrebbero iniziare prima di mercoledì, si annunciano rapide, per verificare se ci siano i margini per un reincarico. L’attenzione sarà tutta sui centristi e sulle mosse in extremis da Fi.

In aggiornamento