Conte: “Bene incontro con Juncker”

È durato oltre mezz’ora il colloquio tra il premier Conte e il presidente della Commissione Ue, Juncker che, ad aprile, verrà a Roma.

“L’incontro è andato molto bene e il 1 aprile il presidente Juncker verrà a Roma per un nuovo bilaterale“. Ad affermarlo è stato il premier Giuseppe Conte al termine del colloquio con il presidente della commissione Ue Jean Claude Juncker.

L’incontro, avvenuto oggi pomeriggio a margine del discorso del premier all’Europarlamento, è durato oltre mezz’ora: “Non abbiamo parlato di Francia, ma di diversi argomenti”, spiega Conte che, a chi gli chiede il motivo del nuovo incontro a Roma, replica con una battuta: “Lui ama l’Italia”.

Conte, che ha “debuttato” proprio oggi a Strasburgo, ha affermato: “Il progressivo avanzamento nel percorso di integrazione ci ha reso realmente popolo, comunità di destino, al di là di ogni fictio giuridica? Certo, il percorso di definizione e di costruzione di un “popolo europeo” ha vissuto momenti significativi di avanzamento. Nonostante tutto però, non siamo riusciti ancora a diventare veramente un “popolo”, non abbiamo avuto il coraggio di costruire un modello inclusivo che, realisticamente, al di là di ogni retorica, favorisse la creazione di un demos europeo”.

Il premier ha parlato anche dell’Onu nel corso della plenaria al Parlamento europeo: “Nessuno Stato Membro europeo può da solo giocare un ruolo significativo. Di qui l’auspicio che una voce europea unita trovi spazio anche al Consiglio di Sicurezza dell’Onu. È una battaglia, questa, sulla quale l’Unione Europea deve muoversi in modo coordinato, deve parlare con una sola voce. L’Unione Europea deve saper parlare al mondo. Un’Europa forte, ambiziosa e coesa è innanzitutto necessaria per migliorare la sua capacità d’interlocuzione con gli Stati Uniti”. (Ansa)